Recensione: 13 motivi per cui stagione 3 episodio 12

'13 Reasons Why 'Season 3 Episode 12 è facilmente uno degli episodi più esplosivi della stagione. Comprensibilmente, il penultimo episodio dello spettacolo Netflix racchiude molti pugni fin dall'inizio e lo porta avanti fino alla fine. Uno dei misteri che è finalmente venuto alla luce è quello che è successo la notte del gioco del ritorno a casa. Vediamo come Jessica ha cercato di guidare una protesta e la sua successiva molestia per mano di un giocatore di Hillcrest ha portato a una rissa. È subito dopo che Bryce è stato ucciso e ci sentiamo quasi sul punto di capire chi potrebbe essere l'assassino di Bryce.

Tuttavia, l'episodio 12 ci fa una pausa, mostrandoci le conseguenze del gioco anche se i poliziotti iniziano a avvicinarsi a Clay come il principale sospettato dell'omicidio di Bryce. C'è una svolta a sorpresa proprio alla fine che lascerà gli spettatori desiderosi di saltare direttamente all'ultimo episodio. L'episodio 12, giustamente chiamato 'And Then The Hurricane Hit', prepara una tempesta che coinvolge tutti i personaggi centrali.



13 motivi per cui la stagione 3 episodio 12 riepilogo:

L'episodio 12 di '13 Reasons Why 'inizia con il brivido dell'inseguimento poiché l'episodio precedente mostrava Clay andare da Tony, chiedendo aiuto per scappare dalle autorità. Proprio quando pensiamo che Clay ha salutato e fuggirà, il ragazzo che si preoccupa troppo dei suoi amici è costretto a tornare perché Tyler sente di aver bisogno di lui. Nel frattempo, Jessica deve scusarsi con gli studenti e il personale di Liberty e Hillcrest per la sua protesta la notte della partita del ritorno a casa, che ha provocato tutto il putiferio. Usando questa opportunità, Jessica pronuncia un appassionato discorso sui sopravvissuti e su quanto siano importanti le loro narrazioni. In una scena toccante, vediamo diversi sopravvissuti farsi avanti, incluso Tyler, che sembra finalmente pronto a raccontare la storia del suo assalto per mano di Monty.



Sorprendentemente, anche Justin Foley, un atleta benvoluto e un popolare signore delle donne, si fa notare tra i sopravvissuti. La sua storia ci viene raccontata nella sequenza successiva ed è la storia straziante di un bambino che è stato molestato. '13 motivi per cui' riguarda il trattare verità dure e sfrutta questa opportunità per aprire i nostri occhi sulla verità che chiunque può essere vittima di violenza sessuale ea qualsiasi età.

Mentre i sopravvissuti si sostengono a vicenda, Clay si ritrova ufficialmente agli arresti. Il dipartimento dello sceriffo lo interroga sulle sue attività la notte dell'omicidio di Bryce. Sembrano convinti che sia responsabile. Anche se Clay protesta la sua innocenza, i flashback mostrano come Clay abbia provato rabbia e odio nei confronti di Bryce la notte della partita del ritorno a casa. Una volta che ha visto Bryce baciare Ani, Clay ha deciso di individuarlo durante il combattimento scoppiato. Tutto questo, combinato con il tentativo di fuga di Clay, sembra dirci che è colpevole di qualcosa.



Tuttavia, una svolta si verifica quando Zach si offre di confessare di aver ucciso Bryce, dicendo ad Alex che non avrebbe lasciato che Clay si prendesse la colpa. Zach descrive in grande dettaglio la sua frattura con Bryce, che è aggravata dalla convinzione di Bryce che Zach gli abbia rubato Chloe. Usando la lotta come copertura, Bryce ferisce intenzionalmente il ginocchio di Zach, assicurandosi che la sua carriera di aspirante sportivo sia finita. Per rappresaglia, Zach attacca selvaggiamente Bryce sul molo, rompendogli una gamba e probabilmente un braccio. Lascia Bryce urlando in agonia, il che lo porta a credere che deve aver causato la sua morte. Dopo aver ascoltato la sua confessione, le forze dell'ordine concludono che si tratta di aggressione e percosse, ma si rifiutano di condannarlo per omicidio. Gli spettatori sono trattati per una svolta qui poiché viene rivelato che Bryce non è morto a causa del pestaggio. Invece, è morto per annegamento, come suggerisce l'acqua nei suoi polmoni. L'episodio si conclude con l'arresto di Monty per aggressione sessuale di primo grado e forse omicidio. Diamo uno sguardo ai piedi del possibile assassino di Bryce, mentre Ani e Jessica condividono da cuore a cuore i loro peggiori segreti. Sembra che il finale sarà a dir poco esplosivo.

13 motivi per cui la recensione dell'episodio 12 della stagione 3:

L'episodio 12 di '13 motivi per cui' ha molto da ammirare. In primo luogo, fa un uso brillante del discorso di Jessica per far luce su vari tipi di sopravvissuti ad aggressioni sessuali e descrive quanto sia importante che le loro storie vengano ascoltate. Essendo uno spettacolo intelligente, sceglie di ritrarre sopravvissuti maschi e femmine, mostrando la natura dilagante delle aggressioni sessuali. Bryce viene mostrato in alcuni momenti più umani, specialmente quando una sessione di yoga con sua madre finisce in lui scoppiando in lacrime. Tuttavia, alla fine dell'episodio, è tornato dall'egoista e mostruoso Bryce che conosciamo, intenzionato a ferire le persone e autorizzato a fare tutto ciò che ritiene opportuno.

Detto questo, lo slancio principale dell'episodio 12 viene dalle indagini sull'omicidio di Bryce e dall'interrogatorio dei sospettati. I racconti di Clay e Zach sono avvincenti, per non dire altro, e la prima occhiata all'assassino è sufficiente per mandarci ad arrampicarci per vedere il finale. Nel complesso, l'episodio 12 è tutto ciò che ci si aspetterebbe dal penultimo episodio e altro ancora.



Valutazione: 4.5 / 5

Copyright © Tutti I Diritti Riservati | thetwilightmovie.com