Il finale di 'Bard of Blood' di Netflix, spiegato

' Bard of Blood 'È basato su un libro di Bilal Siddiqui che porta lo stesso nome. Prodotto da Shahrukh Khan's Red Chilli Entertainment, 'Bard of Blood' è multilingue serie spia con Emraan Hashmi. Prima di iniziare a spiegare la trama, una breve parola sulla performance di Hashmi: non lasciarti ingannare dal suo aspetto perché questa potrebbe effettivamente essere una delle sue migliori performance fino ad oggi.

Per la maggior parte di esso, 'Bard of Blood' è una serie di spie generiche che ha tutti i colpi di scena necessari per tenerti agganciato. Con un ritmo decente e raramente momenti noiosi, la serie finisce con un cliffhanger che ti lascia implorare di più. Più o meno come ' Giochi sacri ', Questo finale della prima stagione lascia le porte aperte per la seconda stagione. Per coloro che non sono riusciti davvero a concentrarsi sui momenti sconcertanti degli ultimi episodi, lo analizzeremo proprio qui. Ma attenzione, ci aspettano spoiler.



Riepilogo stagione 1

La prima stagione è ambientata nel 2014 e si apre con Quetta, nel Belucistan, dove quattro spie indiane vengono catturate dai leader talebani che cercano segretamente rifugio in Pakistan. Decidono istantaneamente di decapitarli in pubblico, ma a causa dell'interferenza dell'Inter-services Intelligence, sono costretti a fare marcia indietro a favore di uno schema più ampio. Questi leader chiedono quindi che l'India rilasci quattro terroristi pakistani in custodia e in cambio restituiranno pacificamente le loro spie. Dopo aver ricevuto il loro video dal dark web, l'Indian Research and Analysis Wing si rifiuta di rispettare le loro regole.



Questo è quando tre spie indiane vengono inviate in una missione non autorizzata attraverso il confine per salvare le quattro spie e riportarle a casa sani e salvi. Questa missione mortale è guidata da Kabir Anand. Con l'aiuto di molte altre fonti affidabili in Balochistan, le tre spie sono in grado di portare a termine con successo la loro missione. Ma alla fine, si rendono conto che la loro missione è tutt'altro che finita e che una cospirazione molto più grande sta iniziando a svolgersi.

Fatti contro finzione

Non c'è assolutamente alcun dubbio sul fatto che 'Bard of Blood' sia basato su una storia fittizia, ma molte parti si svolgono sullo sfondo di eventi globali reali. Alcuni di questi eventi includono il attacchi terroristici sugli Stati Uniti d'America, all'indomani dell'ascesa del terrore islamico nel 2001, alla guerra occidentale contro l'Afganisthan e, soprattutto, all'evidente tensione geopolitica tra Pakistan e India. Questo coinvolgimento della storia reale rende la storia più credibile, specialmente le parti in cui sono stati suggeriti legami pesanti tra le organizzazioni terroristiche, il governo pakistano e l'ISI. Inoltre, anche la parte in cui l'India inizia a sostenere il movimento separatista del Balochistan sembra abbastanza convincente poiché si allinea bene con la storia.



A parte i suddetti eventi, anche le date ei nomi sono tutti effettivamente corretti. Anche se c'è un'eccezione. Mullah Omar , il capo talebano, era morto nel 2013 ma la serie, ambientata nel 2014, lo riporta intenzionalmente in vita. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che nomi familiari possono facilmente evocare paura nelle menti degli spettatori senza uno sviluppo eccessivo del personaggio. Altri nomi nefasti che sono stati raccolti da eventi reali includono il mullah talebano Abdul Ghani Baradar, Ayman Al Zawahiri di Al Qaeda e Yasin Bhatkal, uno degli uomini che il Pakistan vuole in cambio delle quattro spie indiane.

I retroscena di Kabir Anand

L'episodio 4 può inizialmente sembrare abbastanza insignificante per la maggior parte degli spettatori a causa del suo coinvolgimento di una sottotrama romantica spensierata che ruota attorno al protagonista e Jannat. Ma a mio parere, questa è solo una distrazione per tutto il presagio che sta crescendo sottilmente sullo sfondo. Kabir Anand, per la prima volta, inizia ad aprirsi sul suo passato. Inizia parlando di un collega agente di nome Bhushan la cui morte è stata liquidata come 'accidentale'. Ma dopo non essersi convinti del fatto che un agente sarebbe morto accidentalmente nella sua vasca da bagno, Kabir e il suo migliore amico Vikramjeet vengono inviati in Belucistan per indagare.



Entrambi mascherano la loro identità e iniziano la loro missione di ricerca che è stata rigorosamente etichettata come una missione 'non-combattimento'. Molte cose accadono dopo questo e Vikramjeet scompare improvvisamente dalla storia. Nel frattempo, Kabir viene coinvolto sentimentalmente con Jannat che lo aiuta anche con la sua missione molto più tardi. Ma la parte cruciale di questo flashback arriva quando Vikramjeet riappare. Senza prove concrete, Kabir teorizza che l'omicidio di Bushan sia stato ordinato dalla stessa Delhi perché aveva scoperto che una base navale pakistana è in costruzione a Gwadar. Convinto dalla sua teoria, Vikramjeet afferma che devono trovare prove solide per dimostrarlo. Dopo non essere stato in grado di trovare alcuna pista per molto tempo, Kabir trova improvvisamente un uomo che è disposto a condividere tutto sull'omicidio di Bhushan. È qui che le cose si fanno un po 'sospette.

Spiegheremo come l'intera faccenda si rivela essere una trappola, ma è solo un po 'strano come una spia addestrata ci cada facilmente. Questo è quando Shehzad si traveste da vittima delle atrocità dei talebani e in qualche modo lo convince di sapere chi ha ucciso Bhushan. Fanno un patto con lui e decidono di incontrarlo più tardi. I due uomini arrivano sul posto solo per scoprire che qualcuno ha scoperto la loro vera identità ed è allora che vengono attaccati dalle forze nemiche. Kabir e Vikramjeet scelgono strade separate per combattere questi uomini sconosciuti che sono determinati ad ucciderli e questo è quando Kabir trova misteriosamente il suo amico su una bomba a pressione regolata. Questa è un'altra scena che si presenta all'improvviso e ha senso molto più tardi. Per tutto questo tempo, Vikramjeet non si trovava da nessuna parte, ma all'improvviso si è presentato sotto una bomba a pressione. Vikramjeet poi 'sacrifica la sua vita' e questo lascia Kabir traumatizzato per tutta la vita. Ma c'è molto di più in questa scena e lo abbiamo spiegato nella prossima sezione.

La fine: chi è la talpa?

Per la maggior parte, 'Bard of Blood' è un gioco di gatto e topo in cui Kabir Anand, insieme alla sua squadra, cerca di salvare le spie indiane che sono tenute in ostaggio. Tutto sembra abbastanza lineare e da qualche parte all'inizio del sesto episodio, Kabir Anand riesce a salvare la situazione eseguendo perfettamente la sua missione di salvare le spie indiane. Insieme a questo, riesce a smascherare Tanveer Shehzad e uccide anche il talebano, il mullah Omar. Alla fine, sembra un tipico finale felice e patriottico in cui è una grande vittoria per l'India.

È allora che la trama prende una svolta inaspettata e ti indirizza verso una trama molto più profonda che era stata prefigurata da sempre. Kabir Anand riceve una chiamata sul telefono di Tanveer Shehzad che è già morto. La persona dall'altra parte della chiamata afferma di essere un ex Esercito indiano ufficiale di nome Colonnello Chhetri. Con una voce piena di colpa, Chettri gli dice che è l'uomo che ha ucciso Sadiq Sheikh e ora la sua vita è in pericolo. Seguendo il suo esempio, Kabir Anand arriva nella sua posizione, insieme ad altri due agenti, solo per trovare il suo 'bunker' vuoto. Uno sguardo a questa vecchia stanza arrugginita e puoi dire che il colonnello ha escogitato qualcosa di molto significativo per tutto questo tempo.

Presto scoprono che il colonnello Chettri è stato licenziato dall'esercito indiano a causa del suo cattiva salute mentale . Il suo rancore nei confronti di questo esercito indiano a causa della loro negligenza verso i soldati morti dell'Arunachal Pradesh, lo rende un bersaglio molto facile e vulnerabile per il nemico. Dato che Aftab, il figlio del Mullah, è ancora vivo, tutti e tre gli agenti credono fermamente che Chettri operi ora sotto di lui. Ma quando lo affrontano e gli chiedono chi lo ha reclutato, afferma che pensava di lavorare sotto l'ISA ma non ha idea di cosa stia succedendo ora. Dopo aver detto loro che il file L'assassinio del premier cinese viene complottato e chiarendo che Aftab non è più coinvolto, viene colpito da un cecchino.

Kabir Anand corre dietro al cecchino e cerca di prenderlo per conoscere la sua vera identità. Quando finalmente arriva da lui, il cecchino incappucciato rivela la sua identità e si scopre essere l'amico di Kabir, Vikramjeet, che avrebbe sacrificato la sua vita per Kabir prima degli eventi della serie. È stato la talpa per tutto questo tempo e per quanto scioccante possa sembrare questo finale, in realtà ha molto senso se guardi indietro ad alcuni eventi della serie, in particolare all'episodio 4.

Vikramjeet è stato il primo a conoscere la convincente teoria di Kabir su chi ha ucciso Bhushan. Rendendosi conto che si sta avvicinando alla scoperta della sua vera identità, Vikramjeet escogita il piano perfetto per distruggere completamente Kabir Anand in modo da non pensare mai più alla sua teoria. Coinvolge Shehzad nel suo piano e, fingendo la propria morte, Vikramjeet si assicura che Kabir venga rimosso dall'agenzia di intelligence e non torna mai all'idea di catturare l'assassino di Bhushan. Inoltre, c'è un'altra scena in cui Shehzad, che sta per essere ucciso da Kabir, afferma che rimarrà scioccato una volta scoperto chi ha ucciso Bhushan. Quindi Vikramjeet ha ucciso Bhushan o ha semplicemente assunto qualcuno per ucciderlo.

Cosa puoi aspettarti dalla seconda stagione?

Ora, prima di morire, Chhetri li informa che un assassinio del premier cinese è stato pianificato durante l'imminente vertice indo-cinese. Quindi, nel grande schema delle cose, la missione di salvataggio delle spie indiane non era altro che una piccolissima parte di una più grande cospirazione . Nel complotto più grande dove la posta in gioco è molto, il Pakistan probabilmente progetta di uccidere il Priemer cinese sul suolo indiano per metterlo contro gli indiani. Questo potrebbe far partire con successo un Terza guerra mondiale con l'India che ne è l'epicentro assoluto e per ovvie ragioni, se tutto va come previsto, i cinesi non ci penseranno due volte prima di intraprendere una guerra contro l'India.

In uno degli episodi, c'è anche un leggero spunto per questo in cui un funzionario cinese esprime la sua preoccupazione su come le spie indiane siano coinvolte con il Pakistan. Questa crescente preoccupazione potrebbe facilmente innescarsi con l'assassinio di un importante personaggio nazionale. La prima stagione inizialmente sembra essere abbastanza lineare con la sua trama, ma è la fine che ti fa capire quanto tutto sia stato brillantemente messo insieme. Una stagione 2 è decisamente in arrivo e da quello che sembra, la stagione 2 sarà ancora migliore.

Leggi di più in Explainer: Sacred Games Stagione 2 | Macchina da scrivere

Copyright © Tutti I Diritti Riservati | thetwilightmovie.com