Fine di 'Life of Pi', spiegata

Uno dei migliori film di Ang Lee (dopo 'Crouching Tiger, Hidden Dragon' (2000)), 'Life of Pi' (2012) ha ricevuto ampi consensi grazie alla sua maestria nella narrazione e al suo meraviglioso uso degli effetti 3-D che hanno reso il film un'esperienza visivamente spettacolare. Con l'uso di una fotografia davvero meravigliosa e di una narrazione meravigliosa, siamo trasportati nel mondo di Pi Patel e nella sua miracolosa storia di essere stati colpiti da un tragico naufragio e sopravvivere nell'Oceano Pacifico insieme a una delle creature più feroci della terra: la tigre reale del Bengala nel suo viaggio di 227 giorni prima di essere salvato. Basato sul romanzo dello stesso dell'autore Yann Martel, il film rende giustizia al libro raccontando una storia avvincente. Nominato per undici Oscar, Life of Pi è stato un cinema di riferimento.

Abbiamo già stabilito che Life of Pi è un traguardo nella narrazione visiva. Ma resta un aspetto del film che necessita di una discussione dettagliata: la sua fine. Ecco perché questo articolo. Sebbene ci siano state diverse teorie su cosa significasse la fine del film, volevo offrire la mia opinione al riguardo. Quindi, senza ulteriori indugi, tuffiamoci.



La premessa

Pi Patel (Irrfan Khan), un immigrato indiano di Pondicherry che ora vive a Montreal, in Canada, viene avvicinato dal romanziere Yann Martel (Rafe Spall) che viene a trovarlo su consiglio dello zio di Pi che gli ha assicurato che la storia della vita di Pi sarebbe davvero un bel libro. Pi accetta di raccontargli la sua storia di vita.



L'educazione di Pi:

Il film ci presenta Pi il cui padre Santosh Patel (Adil Hussain) lo chiama 'Piscine Molitor' dopo una famosa piscina in Francia su consiglio di suo zio che adorava nuotare in quella piscina. Sfortunatamente, il povero ragazzo è sottoposto a molte prese in giro da parte dei suoi compagni di classe che lo chiamano 'Pissing Patel'. Stufo di essere schernito continuamente, Piscine un giorno cambia il suo nome in 'Pi Patel', un soprannome simile al suono dopo il simbolo matematico greco. I suoi genitori Santosh Patel e Gita Patel (Tabu) possiedono uno zoo a cui Pi si interessa, specialmente con una tigre del Bengala di nome Richard Parker. Un giorno, Pi cerca di liberare la tigre senza farlo sapere a suo padre nutrendola di carne e mettendo così in pericolo la sua vita. Suo padre interviene e lo rimprovera con rabbia dicendo che la Tigre è un animale selvatico e non è da prendere per amico. Dimostra il suo punto di vista insegnando a Pi una lezione preziosa costringendolo a testimoniare che la tigre uccide una capra.



Pi è cresciuto per essere vegetariano in una famiglia indù ma all'età di 12 anni è attratto da altre religioni come il cristianesimo e l'Islam e decide di seguire tutte e tre le religioni perché 'vuole solo amare Dio'. Ma suo padre lo avverte che Pi deve assumere una prospettiva secolare quando si tratta di religione.

Incagliato sulla scialuppa di salvataggio

Pi, che ora ha 16 anni (Suraj Sharma) è un po 'sconvolto dopo aver appreso che suo padre decide di chiudere lo zoo e di venderli in Canada, dove migreranno, poiché ciò richiede l'addio alla sua ragazza appena incontrata Anandi. La famiglia Patel prenota un passaggio con i loro animali a bordo di un mercantile giapponese di nome Tsimtsum. Sulla nave, suo padre litiga con il cuoco della nave (Gerard Depardieu) quando parla sgarbatamente con la madre di Pi. Una notte, la nave incontra una forte tempesta sopra la Fossa delle Marianne nell'Oceano Pacifico a seguito della quale la barca inizia ad affondare mentre Pi si meraviglia della tempesta sul ponte. Rendendosi conto che la nave sta affondando, Pi cerca di perquisire la sua famiglia, ma un membro dell'equipaggio lo getta su una scialuppa di salvataggio dove guarda impotente mentre la nave affonda, uccidendo la sua famiglia e il suo equipaggio.



Dopo che la tempesta si è placata, Pi si sveglia trovando una zebra e un orangutan intraprendente a bordo della scialuppa di salvataggio. All'improvviso, una iena maculata emerge dal telo che copre metà della scialuppa di salvataggio e scatta a Pi, costringendolo a ritirarsi dall'altra parte della scialuppa di salvataggio. La iena uccide la zebra e in seguito, con sgomento di Pi, ferisce mortalmente anche l'orango in un combattimento prima che Richard Parker emerga improvvisamente dal telo e uccida e divori la iena, con grande sollievo di Pi.

Nei prossimi giorni, Pi impara a regolare la vita sulla scialuppa di salvataggio trovando razioni di cibo e acqua di emergenza e costruendo una piccola zattera legata ai giubbotti di galleggiamento per mantenere una distanza di sicurezza dalla tigre. Si rende conto che ha bisogno di nutrire la tigre, altrimenti finirà per essere la cena della tigre. Lo fa imparando a pescare per nutrire Richard Parker e anche lui, nonostante il suo codice morale per essere vegetariano. Pi sviluppa anche un sentimentalismo per la tigre aiutandolo a tornare sulla barca dopo che la tigre era saltata nell'oceano per cacciare alcuni pesci ed era sul punto di annegare.

Una notte, una megattera fa breccia vicino alla barca, facendo perdere a Pi le sue provviste e facendo distruggere la sua zattera. Pi impara presto a ottenere l'accettazione di Richard Parker per il fatto che sia sulla barca e si rende conto che prendersi cura della tigre significa anche mantenere se stesso in vita.

La misteriosa isola galleggiante

Dopo diverse settimane e quasi alla fine delle forze, Pi e Richard Parker raggiungono un'isola galleggiante di piante commestibili e alberi interconnessi. È una giungla lussureggiante piena di piscine d'acqua dolce e ha una grande popolazione di suricati che lavora a loro vantaggio poiché sfruttano questa opportunità per mangiare e bere liberamente, riprendendo così le loro forze. Ma con sorpresa di Pi, l'isola si trasforma di notte in un ambiente ostile quando nota che le pozze d'acqua diventano acide, digerendo così tutto il pesce al suo interno mentre Richard Parker nota il pericolo imminente e torna sulla barca. Pi scopre un dente umano all'interno di un fiore di una pianta e si rende conto che la pianta è carnivora e che se non lascia l'isola, anche il suo dente finirà in quel fiore. Lui e Richard Parker se ne vanno il giorno successivo.

Finalmente essere salvato

Dopo 227 giorni dalla notte di quello sfortunato naufragio, la scialuppa di salvataggio di Pi raggiunge finalmente la costa del Messico. Pi mentre alla fine delle sue forze si fa vedere Richard Parker che scompare nella giungla senza nemmeno accorgersene. Presto viene salvato da un gruppo che lo porta in ospedale, ma Pi è ancora in lutto per il fatto che Richard Parker lo aveva abbandonato, dimostrando così quello che suo padre gli aveva detto anni fa: 'Quella tigre non è tua amica'. Anche se costruisce un rapporto di amicizia e fiducia con la tigre, Richard Parker ricambia semplicemente allontanandosi senza voltarsi a guardarlo. Pi deve fare i conti con il fatto che Richard Parker è un animale selvatico, non un cane e, a differenza di Pi, la tigre non crea alcun sentimentalismo nei suoi confronti.

Successivamente riceve la visita di alcuni agenti assicurativi del mercantile giapponese che sono venuti per ascoltare il suo racconto dell'incidente ma non trovano la sua storia incredibile e gli chiede di raccontare loro cosa è 'realmente' accaduto, per il bene della credibilità del loro rapporto. Pi racconta loro una storia diversa dando loro un resoconto meno fantastico ma dettagliato della condivisione della scialuppa di salvataggio con sua madre, un marinaio con una gamba rotta e il cuoco. In questa storia, il cuoco uccide il marinaio per usarlo come esca e cibo. In una lotta con il cuoco, la madre di Pi lo spinge al sicuro su una zattera più piccola mentre il cuoco la accoltella. Più tardi, Pi per vendetta torna a prendere il coltello e uccide il cuoco. Gli agenti assicurativi se ne vanno, insoddisfatti della sua storia.

Il finale

Nel presente, Pi conclude la sua storia. Lo scrittore nota parallelismi tra le due storie e deduce che l'orangutan è la madre di Pi, la zebra era il marinaio, la iena è la cuoca cattiva e che Richard Parker non è altro che Pi stesso. Pi poi gli chiede quale storia preferisce lo scrittore. Lo scrittore risponde: “Quello con la tigre. Penso che sia la storia migliore 'a cui Pi risponde,' E così è con Dio '. Pi osserva che la sua storia ha un lieto fine quando lo presenta alla sua famiglia: una moglie e due ragazzi. Lo scrittore dà un'occhiata a una copia del rapporto assicurativo sulla straordinaria impresa di Pi di sopravvivere 227 giorni in mare, specialmente con una tigre reale del Bengala. Ciò indica che anche gli agenti hanno scelto di seguire quella storia.

Sì, la storia narrata da Pi è piuttosto confusa e può persino sembrare incredibile per molti spettatori. È possibile che la sopravvivenza di Pi si estenda fino a 227 giorni senza precedenti e che affini le sue capacità di sopravvivenza come addestrare una tigre ed essere costretto a mangiare pesce crudo. Ci sono anche molti dubbi sul fatto che abbia persino scoperto un'isola carnivora fatta interamente di alghe di cui nessuno ha mai sentito parlare. Ecco perché gli investigatori giapponesi sono lì con te. Inoltre, dicono a Pi in modo piuttosto piatto: 'Non crediamo alla tua storia'.

Dopo aver dato un'altra possibilità di spiegare cosa è realmente successo, Pi collega la sua narrazione con la fede. Parla di come la nostra comprensione del mondo modella i fatti che condividiamo su di esso. Spiega da solo il pericolo della ragione. Ed esprime disappunto per le aspettative dell'investigatore poiché crede che vogliano una storia che già conoscono. A livello teorico, Pi si difende bene. Ma il colpo di scena avviene quando racconta una versione alternativa della sua storia in cui racconta il naufragio, la sua sopravvivenza e i suoi 227 giorni in mare ma esclude la parte riguardante gli animali. Al loro posto, racconta una storia orribile in cui mette se stesso, un marinaio giapponese, la madre di Pi e quell'orrido cuoco.

Sì, la giustapposizione del film tra la storia degli animali e quella umana ha portato molti spettatori a vedere il punto della trama dell'ultimo minuto come una svolta finita, che in effetti non è stata menzionata nel libro di Martel. Mentre Pi racconta la sua storia umana agli investigatori giapponesi, puoi notare lo sguardo di angoscia sul volto di Pi che indica davvero perché era davvero a disagio mentre affrontava i veri orrori della sua esperienza. Lo spettatore può sicuramente simpatizzare con Pi perché ci viene fatto assistere a come guarda con orrore, mentre la nave affonda, uccidendo tutta la sua famiglia. Non gli viene nemmeno dato il tempo di piangere per loro come la prossima cosa che sai, assiste piuttosto impotente mentre la iena è nella sua vera natura, uccide sia la zebra che l'orangutan e come è stato costretto a guardare l'ira della tigre. si tuffa sulla iena, uccidendola e divorandola. Pi si sente in colpa per aver sovraespresso la gioia per la morte della iena, come se avesse commesso il crimine lui stesso, per vendetta. Ha assistito a una morte così raccapricciante in un arco di poche ore e ora si rende conto che, essendo l'unico naufrago nell'immenso oceano Pacifico e di fronte alla completa solitudine, deve imparare non solo a sopravvivere ma anche a mantenere lo stomaco della tigre pieno oppure finirà per essere divorato dallo stesso Richard Parker.

Parola finale

Quindi, alla fine, non sembra esserci una 'risposta corretta' e che i realizzatori lasciano intenzionalmente la domanda senza risposta in modo che gli spettatori possano prendere una decisione. Sappiamo già che lo zio di Pi ha promesso allo scrittore che gli sarebbe stata data una storia che gli avrebbe fatto credere in Dio. All'inizio del film, vediamo come Pi stia lottando per conciliare le differenze tra l'interpretazione delle diverse fedi come l'induismo, il cristianesimo e l'Islam. Riconosce che ognuno di loro conteneva alcuni elementi preziosi che insieme lo aiutano a sopravvivere a questa terribile prova mentre è in mare. Questo punto è riconosciuto dove c'è una sequenza nell'oceano in cui Pi osserva che ha fatto la sua pace con Dio.

Quindi, è del tutto impossibile rispondere in modo definitivo alla domanda più ampia e, come accennato, la 'verità' della storia di Pi è poco preoccupante per Martel o Lee per quella materia. La vera domanda che dovreste porvi è: quale versione preferite? Pensi che Pi, da ragazzo, abbia inventato una storia fantastica per far fronte a una brutta verità? O potrebbe essere che la bellezza della prima storia superi la credibilità della seconda? La cosa fondamentale da ricordare è che l'interpretazione può essere una cosa soggettiva, ma la domanda vuole servire come momento di riflessione teologica. Per dirla in termini più semplici: sei una persona che preferisce credere in cose che hanno sempre un senso / cose che puoi vedere? O sei una persona che preferisce credere nei miracoli e lasciarlo sulla fede? È più probabile che una persona che crede in Dio sceglierà di credere alla prima storia, mentre una persona più razionale che mette in dubbio Dio metterà in dubbio anche la praticità della prima storia e quindi sceglierà di credere alla seconda storia.

Leggi di più in Spiegatori: Non è un paese per vecchi | Il grande Gatsby

Copyright © Tutti I Diritti Riservati | thetwilightmovie.com