7500 è basato su una storia vera?

'7500' di Amazon Prime è un film dirottante che segue gli eventi dal punto di vista di un pilota che si trova in una situazione precaria in cui una decisione sbagliata da parte sua può portare a gravi risultati. Il film si svolge all'interno della cabina di pilotaggio dell'aereo e tiene il pubblico in tensione per l'intera durata. Joseph Gordon-Levitt interpreta il ruolo principale e ci fa entrare nello spazio mentale del suo personaggio, che lotta per mantenere la calma mentre i dirottatori terrorizzano i passeggeri. La storia si mantiene con i piedi per terra e gioca con molti dettagli tecnici, il che ci fa chiedere se sia ispirata da eventi reali? '7500' è una storia vera? Ecco la risposta.

7500 è basato su una storia vera?

No, '7500' non è basato su una storia vera. È basato su una sceneggiatura originale scritta da Patrick Vollrath, che dirige anche il film. Dopo il successo del suo cortometraggio 'Tutto andrà bene', che ha ricevuto anche una nomination all'Oscar, è stato contattato da diversi produttori per lavorare a un progetto di lungometraggio. Durante questo periodo, ha avuto il contorno di un film girato proprio all'interno della cabina di pilotaggio di un aereo. L'idea non era quella di rifare la stessa versione di dirottamento che ritrae un tipico eroe d'azione di Hollywood che salva la situazione, ma di concentrarsi sulla tensione e sulla claustrofobia di un pilota che deve prendere decisioni difficili in un ambiente così ad alta pressione.



Per prepararsi al film, si è documentato sui rapporti di dirottamento della vita reale e ha dovuto mettersi al passo con gli aspetti tecnici di un aereo e i protocolli richiesti per i piloti. Ha ricevuto una grande risorsa sotto forma di Carlo Kitzlinger, l'attore che interpreta il pilota accanto al personaggio di Joseph Gordon-Levitt. Kitzlinger aveva lavorato come pilota professionista per Lufthansa e ha aiutato Gordon-Levitt, che ha dovuto allenarsi anche su un simulatore, nella preparazione per il ruolo. Avere un esperto sul set ha aiutato i realizzatori a mantenere le cose il più vicino possibile alla realtà.



Oltre a realizzare un film che lascia il pubblico senza fiato, Vollrath voleva anche aggiungere più profondità e dimensioni ai suoi personaggi. Non voleva creare una linea netta tra il bene e il male e voleva astenersi dallo stereotipare i ruoli. Pur concentrandosi sulla pressione che deve affrontare il pilota, ha voluto anche darci uno sguardo alla paura provata da un giovane che si ritrova coinvolto in una situazione per la quale non si era iscritto.

In un'intervista con Varietà , Vollrath ha spiegato come si è imbattuto nel personaggio di Vedat. “C'è stato un periodo nel 2015 in cui molti ragazzi molto giovani, per lo più dall'Europa, hanno lasciato le loro case e hanno cercato di unirsi all'ISIS. Ho visto un servizio su questo ragazzo che aveva 18 anni ed è tornato dopo essersi unito all'ISIS & hellip; totalmente disilluso e de-radicalizzato & hellip; Ho sentito di voler fare un film su un ragazzo che diventa de-radicalizzato nel momento in cui ha il sangue sulle mani . E da lì in poi ho voluto raccontare la storia di un ragazzo che stava diventando quello. Ma non è solo una vittima, è un autore o un misto di entrambi. La linea sottile è ciò che mi interessava davvero ', ha detto.



Ma nell'esplorare questo territorio, ha anche dovuto riconoscere il bisogno di vendetta che crea una spirale senza fine di violenza. “Mentre scrivevo, sono avvenuti gli attacchi di Parigi e gli attacchi tedeschi. E ho smesso di scrivere e mi sono chiesto: 'Dovrei continuare a raccontare una storia su questa situazione?' Mi sono detto che dobbiamo cercare di dare una risposta su come possiamo uscire da questa [spirale]. Come possiamo spezzare questo cerchio di contrasto alla violenza con più violenza ', ha aggiunto.

Copyright © Tutti I Diritti Riservati | thetwilightmovie.com