Hangman Ending, spiegato

Il film del 2017 'L'impiccato' è un thriller poliziesco sconvolgente con protagonista Al Pacino , Karl Urban e Brittany Snow . Il film, con la sua trama di omicidi misteriosi, ti fa indovinare per tutto il suo tempo. Poiché la trama del film è molto contorta, può essere difficile per uno spettatore tenere il passo con tutti i suoi punti della trama, in particolare le sue rivelazioni finali. Quindi ecco una spiegazione per tutto ciò che accade nel film.

Riassunto della trama

'L'impiccato' inizia con l'introduzione di un detective della polizia in pensione Archer (Al Pacino). Mentre Archer odia essere lontano dal suo lavoro, il detective Ruiney (Karl Urban), il vecchio alleato di Archer, viene coinvolto in una brutale indagine su un omicidio seriale. In ogni luogo di questo sospetto omicidio seriale, un alfabeto è inciso sul petto delle vittime. Inoltre, tutti loro vengono uccisi intorno alle 11:00 ogni notte. L'assassino lascia anche un disegno di un gioco dell'impiccato sul muro, riempiendo un nuovo spazio vuoto sul gioco ad ogni omicidio. Quando Ruiney indaga sul luogo del primo omicidio, trova due codici di badge incisi su una scrivania: uno è il suo e l'altro di Archer. Questo riporta Archer nel mondo della risoluzione del crimine ei due detective uniscono le forze per rintracciare questo assassino.



Con ogni omicidio, i detective iniziano a notare che l'assassino lascia intenzionalmente indizi per loro. Tutto ciò rende abbastanza evidente che l'assassino ha qualcosa di personale da sistemare con i due. I suoi indizi contorti conducono gli investigatori al suo prossimo omicidio in linea. Ma con loro sgomento, ogni volta che arrivano sulle scene del crimine accennate, l'assassino riesce a stare un passo avanti a loro. Di conseguenza, gli investigatori guardano impotenti tutte le sue vittime morire. Nel caos di questi omicidi, il detective Ruiney è in grado di ricordare che il sito della prima vittima di omicidio aveva due alfabeti incisi sul muro invece di uno. In considerazione di ciò, deduce che l'assassino aveva precedentemente ucciso qualcun altro prima della presunta prima vittima.



Nel corso del film, è anche previsto che anche la moglie di Ruiney sia stata assassinata alcuni anni fa e il caso è rimasto irrisolto. Quando in seguito Archer dà un'occhiata più da vicino al caso della moglie di Ruiney, si rende conto che è stata la prima vittima dell'assassino. Questo spiega perché il boia sulla prima scena del crimine aveva due lettere e non una.

Il finale: chi è il killer?



Negli ultimi momenti del film, Christi, un giornalista che stava aiutando i due detective a risolvere il caso, viene rapito dall'assassino. Quando gli investigatori si guardano intorno per casa in cerca di indizi, Archer trova un ciondolo che ricorda il prologo del film. Usando questo ciondolo, è in grado di dedurre chi è l'assassino. Anche se non lo spiega, capisce la posizione dell'assassino attraverso questo e arriva lì prima che Christi venga ucciso. Questo è quando il film rivela un flashback in cui una versione più giovane di Archer entra in una casa e trova un uomo appeso con un cappio avvolto intorno al collo. In un angolo, vede un ragazzino, seduto lì tutto turbato dal suicidio di suo padre.

Questo flashback rivela che l'assassino è il ragazzo il cui padre si è suicidato. Nel flashback si può anche vedere un avviso di sfratto disteso sul pavimento della casa. Questo spiega che il padre del ragazzo si era suicidato dopo aver ricevuto un avviso di sfratto. Dopo che Archer ebbe lasciato il ragazzo quel giorno, il ragazzo gli nutrì rancore per non averlo aiutato in alcun modo. Inoltre, il trauma della morte di suo padre e il dolore di essere stato cacciato dalla sua casa d'infanzia lo hanno reso l'assassino che è.

Inoltre, quando si tratta della cronologia degli omicidi, sembra esserci un lungo divario tra il primo e quelli successivi. Ciò può essere spiegato ricordando la scena in cui Archer trova un ciondolo a forma di teschio a casa di Christi. Il ciondolo era lo stesso che Archer aveva notato nell'auto di un guidatore in corsa nel prologo del film. Quindi, se colleghi i punti qui, diventa abbastanza evidente che il guidatore di velocità non era nessuno ma l'assassino. Allora, non era un sospetto di omicidio, ma fu mandato in prigione per aver infranto le regole del traffico. Ma poiché era in prigione, la sua follia omicida è stata interrotta subito dopo il primo omicidio.



L'assassino gioca a questo gioco dell'impiccato solo per avere un senso di controllo sui suoi omicidi, e praticamente come ogni serial killer, diventa anche la sua firma. Inoltre, nei momenti finali, è stato anche rivelato che la parola nel gioco dell'impiccato era 'EVICTIONEM'. Ma cosa significa evictionem? Beh, in realtà è una parola di origine latina e si traduce semplicemente in 'Sfratto' in inglese. L'assassino ha usato questa parola per indicare il suo gioco dell'impiccato perché credeva di soddisfare il suo contorto senso di giustizia uccidendo le persone. Nella sua testa, stava semplicemente rivivendo il ricordo della sua infanzia, dove suo padre si suicidò dopo aver ricevuto l'avviso di sfratto. E così, con la sua mentalità infantile, spesso scriveva la lettera della parola sulle sue vittime e rievocava il suicidio di suo padre appendendole a un cappio.

Il film ha anche un cliffhanger in cui il detective Ruiney riceve un piccolo pezzo di carta su cui è disegnato un altro gioco dell'impiccato. Questo boia sembra avere dieci lettere, la quarta è una 'A' Ora è molto probabile che questa sarà di nuovo una parola latina, quindi non si può prevedere con certezza cosa sia. Tuttavia, la fine del film sembra suggerire che probabilmente anche l'assassino avesse un partner. Questo partner potrebbe essere un fratello o semplicemente qualcuno che ha una mentalità contorta simile. Dovremo solo aspettare il suo seguito per saperne di più.

Copyright © Tutti I Diritti Riservati | thetwilightmovie.com