Batman: The Killing Joke Ending, spiegato

Basato sull'influente e controverso fumetto del 1988 con lo stesso nome di Alan Moore (scrittore), Brian Bolland (illustratore) e John Higgins (colorista), 'Batman: The Killing Joke' è un'esplorazione provocatoria della relazione tra Batman e il Burlone . Con Bruce Timm come uno dei co-produttori, Kevin Conroy e Mark Hamill sono tornati nell'universo animato DC per riprendere i loro ruoli da 'Batman: The Animated Series'.

Le nuove aggiunte al cast includono Tara Strong nei panni di Barbara Gordon o Batgirl, Ray Wise nei panni del Commissario James Gordon, Brian George nei panni di Alfred Pennyworth e Robin Atkin Downes nei panni del detective Harvey Bullock. Mentre il film rimane per lo più fedele al materiale originale, la sceneggiatura di Brian Azzarello ha una tangente extra spigolosa tra Batman e Batgirl. SPOILER AVANTI!



Batman: The Killing Joke Trama Sinossi



La prima metà del film è raccontata dalla prospettiva di Batgirl e non è così nichilista come la seconda parte. Sebbene ambientata prevalentemente durante la notte, Gotham, nonostante tutta la sua minacciosa oscurità, è inondata dalla luminosità della luna piena e dalle luci della città. Batgirl cerca ma non riesce a catturare una figura in ascesa nel mondo criminale, Parry Francesco o Paris Franz (Maury Sterling), che diventa ossessionato da lei. Attraverso messaggi suggestivi, la conduce al corpo di Carlos Francesco (John DiMaggio), suo zio e il più grande mafioso della città.

Uccidendolo, vuole stabilire il suo controllo sull'impero criminale dell'uomo più anziano. Batman o Bruce Wayne (Conroy) si rendono presto conto che il suo partner si trova su una strada pericolosa e le dice di non farlo. Ciò alla fine si traduce in un confronto verbale e fisico tra di loro, che li porta a fare sesso. Quando finalmente trovano Parigi, lei inizia a picchiarlo brutalmente ma si ferma quando si rende conto di quanto Batman avesse ragione su di lei.



Batman e il Commissario Gordon visitano l'Arkham Asylum in modo che Batman possa tentare di porre fine alla sua lunga faida con il Joker (Hamill), ma scoprono che è fuggito, lasciando un'esca al suo posto. Più tardi, il Joker tira un'imboscata a Barbara e Gordon a casa di Gordon, sparando a Barbara all'addome e rapendo Gordon. Come nella graphic novel, ci sono alcune implicazioni che il Joker stupri Barbara con le foto di nudo che le fa dopo l'attacco. Porta Gordon in un parco di divertimenti fatiscente e, con l'aiuto dei suoi sottoposti, inizia a torturarlo.

Batman: The Killing Joke Ending

I flashback mostrano la storia delle origini del Joker. Era un assistente di laboratorio prima di lasciare il lavoro per intraprendere la carriera di cabarettista. Aveva una moglie, Jeannie (Anna Vocino) e un bambino in arrivo. Dopo che il suo periodo nel circuito di stand-up si è concluso con un triste fallimento, si rivolge al mondo del crimine per sostenere la sua famiglia. Ma prima del suo primo lavoro, in cui sta derubando il suo precedente posto di lavoro, con due criminali veterani, viene a sapere che sua moglie è morta in un incidente.



Sebbene non abbia più motivo di rapinare l'impianto chimico, è costretto a farlo dai suoi soci. Gli fanno indossare il costume da Cappuccetto Rosso durante il crimine. Mentre sono lì, i suoi due complici trasformati in rapitori vengono uccisi dalla squadra di sicurezza. Si trova faccia a faccia con Batman e cerca di scappare, solo per cadere nello stagno dei rifiuti della pianta. Quando finalmente esce da lì, scopre che ci sono cicatrici permanenti sul suo viso che gli danno l'aspetto di un clown. La sua follia e il suo dolore lo sopraffanno, e così nasce il Joker.

Un brutto giorno

Il Joker rapisce e tortura Gordon con un unico scopo: vuole mostrare a Batman che chiunque, anche qualcuno moralmente stabile come il Commissario, può diventare contorto e pazzo nelle giuste circostanze. Ma le sue azioni non sono guidate dal suo desiderio di fornire a se stesso una scusa, ma di dimostrare che il mondo intero è pazzo e psicotico come lui. Tuttavia, Gordon è sempre stato l'equivalente morale della Polaris nel canone oscuro e nichilista di Batman.

Anche qui, nonostante tutto il dolore fisico e fisiologico che sopporta, incluso vedere le foto di sua figlia dall'attacco, non si rompe. Dopo che Batman lo salva, dice al Crociato Incappucciato di arrestare il Joker 'secondo le regole'. Batman insegue il Joker attraverso il parco dei divertimenti ed entra in un appartamento. La stanza ricorda decisamente la casa del Joker quando era ancora un padre di famiglia. Solo qui, tutti i mobili sono attaccati al tetto.

Batman e il Joker combattono, con il Joker che gongola che ha dimostrato attraverso Gordon che ci vuole solo 'un brutto giorno' per portare un uomo verso la follia. Batman risponde riferendo ciò che gli ha detto Gordon in precedenza e aggiunge che 'così le persone comuni non crollano. Forse sei solo tu. '

Le scene finali: Batman uccide il Joker?

L'ultima sezione della graphic novel è uno degli argomenti più ricercati e dibattuti nella storia dei fumetti. Il film segue da vicino ciò che accade nel materiale originale. Dopo che Batman sottomette il Joker, lo esorta a riparare i suoi modi. Il Joker offre un cortese rifiuto, affermando che è ben oltre. Poi ride e dice che questa situazione gli sta facendo ricordare una barzelletta, in cui due pazienti cercano di scappare da un manicomio.

Vedono i tetti che si estendono attraverso la città verso la libertà. Il primo paziente non ha problemi a saltare da un tetto all'altro. Ma il secondo paziente ha paura di cadere. Quindi, il primo uomo si offre di illuminare gli spazi tra gli edifici, a cui il secondo uomo risponde: “Cosa pensi che io sia, pazzo? Lo spegnerai quando sarò a metà strada! ' Batman inizia a ridere insieme al Joker e gli mette le mani addosso. Anche quando il primo si ferma, le risate del secondo possono ancora essere ascoltate alla fine del film.

Il film ha una scena a metà credito, che non fa parte della graphic novel. In esso, Barbara, paralizzata dalla vita in giù e ora su una sedia a rotelle, viene mostrata accettare il suo nuovo ruolo di Oracle. Come ha affermato una volta Moore, il libro mostra che Batman e il Joker sono psicologicamente 'immagini speculari l'uno dell'altro'. E nel caso ti stia chiedendo se, nell'ultima sequenza del film, Batman uccide il Joker, la risposta è - no, non lo fa.

Questa teoria - che è stata propagata da molti - è stata effettivamente smentita dallo stesso Moore. Una possibile interpretazione della sezione finale del film è che Batman finalmente riconosce le somiglianze tra i due mettendo le mani sulle spalle del Joker. Un'altra teoria è che stia semplicemente preparando il Joker per l'arresto prima che arrivi la polizia.

Copyright © Tutti I Diritti Riservati | thetwilightmovie.com