Fine di 'Baby Driver', spiegata

'È pazzo. Gli piacciono solo i suoi brani ”. Questo è probabilmente il modo migliore per descrivere Baby Driver, il personaggio titolare del thriller d'azione ad alto numero di ottani e drammatico di Edgar Wright. Aggiungete a ciò la guida delle auto e otterrete un'entusiasmante combinazione degna di ancorare una storia. Come nel caso del suo protagonista principale, 'Baby Driver' è alimentato da musica elettrica e una colonna sonora di sottofondo. Agisce come il compagno perfetto dello stile rapido di Wright che lascia quasi senza fiato lo spettatore in certe scene. Lo stile esaustivo non ti trattiene e ti tiene duro fino alla fine. Non ci sono molti registi che capiscono il significato della musica come Wright. Le melodie in sottofondo non sono oggetti di scena ausiliari utilizzati per colmare le lacune, ma diventano l'elemento stesso del processo di narrazione.

'Baby Driver' vanta un cast eccezionale, fatto su misura per un film d'azione. Bilancia le forze e le personalità delle sue star per rendere un'insaziabile miscela di stili eclettici che ha un universo tutto suo. Ansel Elgort, Jamie Foxx e Jon Hamm sono tra le tante star che fanno la loro comparsa. 'Baby Driver' è principalmente una storia d'amore, che nasconde per un bel po 'di tempo, quasi fino alla fine. Nel complesso, il film potrebbe sembrare confuso in ciò che è realmente. È qui che le abilità di Wright come autore salvano il film dal diventare un disastro sfortunato. A differenza di altri film di Wright, però, 'Baby Driver' trova umorismo solo a piccoli scatti, non l'umorismo intrinseco che spesso caratterizza il suo lavoro. La commedia secca è stata una caratteristica perenne dei suoi film e 'Baby Driver' non è diverso. Esploriamo di più su cosa significa esattamente il film.



Sommario



'Baby Driver' parla del suo personaggio titolare, che è un automobilista in fuga. Vive con il suo affettuoso padre adottivo sordo e lavora con il collega inquilino Doc, un esperto stratega che compie rapine in banche e negozi. Baby asseconda i piani di Doc esclusivamente sulla base di un incidente della sua infanzia. I piani di Doc funzionano grazie all'efficienza e alla destrezza di Baby nel bilanciare la velocità con l'inganno. È quindi una parte indispensabile delle rapine. Il retroscena rivela che Baby risarcisce Doc per aver danneggiato la sua macchina. Con un'ultima missione da compiere, Baby sogna finalmente di uscire dal caos dopo aver incontrato l'amore della sua vita, Debra. L'incomprensibilità di Baby assume un'importanza probatoria in questa missione, dove viene cambiato quasi tutto l'equipaggio, tranne Bats, interpretato da Jamie Foxx.

Il nuovo equipaggio - Baby, Bats e la coppia Buddy e Darling - dovrebbero acquistare armi illegali prima della loro missione. Bats si rende conto che gli spacciatori sono poliziotti travestiti e apre il fuoco. Nella rissa che ne segue, tutti i poliziotti vengono massacrati e i quattro membri dell'equipaggio scappano. La notizia agita Doc che rivela che i poliziotti sporchi erano sul suo libro paga e una parte del piano. Inclinata ad annullare il piano, Baby convince Doc ad andare avanti con esso. Mentre i membri si preparano a dare forma ai loro piani, Buddy e Bats scoprono i vari nastri misti che Baby ha realizzato - dalle conversazioni del passato e del presente - per creare canzoni divertenti. I due, però, prendono le sue azioni come quelle di un informatore e si preparano ad uccidere lui e Joseph. Dopo che Baby viene affrontato e portato in giudizio da Doc, si dichiara innocente e convince l'equipaggio delle sue intenzioni innocue.



Durante la rapina, Baby progetta di scappare con Deborah, che ricambia i suoi sentimenti. All'insaputa dell'equipaggio, Baby ha intenzione di abbandonarli e lasciare definitivamente questa attività. Durante la missione, le tendenze disumane di Bats disgustano Baby dopo che ha ucciso un ufficiale innocente, e quest'ultimo si rifiuta di guidare. Indignazione, Bats lo colpisce con un fucile e gli ordina di scacciarli. Baby lo fa e sbatte la macchina contro un camion che uccide Bats. Durante una sparatoria con la polizia, Darling viene colpito e muore, mentre Buddy e Baby ce la fanno. Irritato per la perdita della sua amata, Buddy incolpa Baby per la morte di Darling e giura vendetta.

Ora frenetico, Baby porta Joseph in una casa per anziani e lascia i suoi guadagni perché lui si prenda cura di lui. Preoccupato per Deborah, Baby va al ristorante a prenderla e incontra un amico già in attesa, che ha i due sul fucile. Baby spara a Buddy, anche se non fatalmente, e lo lascia arrestare, rubando un'auto per farla franca con Deborah. Il bambino si precipita da Doc e lo implora di aiutare. Inizialmente, Doc rifiuta, ma vedendo i sentimenti reciproci del bambino e di Deborah, fornisce alla coppia contanti e indicazioni per lasciare il paese. Ritarda i poliziotti in arrivo, uccidendone tre, morendo nel processo.

Baby e Deborah si precipitano fuori, solo per incontrare un amico infuriato, affamato di vendetta. I due lo neutralizzano e si mettono in viaggio. Dopo un breve momento di pace e unione, i due si imbattono in un posto di blocco della polizia. Baby si arrende e giura di riunirsi con Deborah cinque anni dopo. Quando arriva il giorno, i due fanno il bagno allegramente nel loro ricongiungimento, incontrandosi come non si erano mai incontrati prima.



Introduzione unica alle informazioni

L'unicità di Edgar Wright deriva dal suo approccio semplicistico alla narrazione. A differenza dei suoi coetanei contemporanei, Wright fa molto affidamento sulla musica e sulle immagini crude per impedire le introduzioni e le caratterizzazioni dei dialoghi convenzionali. Potrebbe sembrare molto simile a Wes Anderson, ma è il modo in cui Wright costruisce le sue narrazioni che lo rendono un bene venerato. 'Baby Driver' vede una continuazione dei notevoli talenti di Wright nell'usare tropi narrativi sovrautilizzati e presentarli con una ventata di freschezza mentre si divulgano le informazioni. I film funzionano su quanto lo spettatore sa.

Ad esempio, un film di Hitchcock ti lascerà indovinare fino alla fine, senza scegliere di mostrarti l'altro lato di ciò che vedi. La suspense, quindi, è ciò che non sai. Confrontalo con qualcuno come Wes Anderson e ottieni un modo completamente diverso di vivere la narrazione attraverso i personaggi. Wright cade in qualche modo nel mezzo. Come le altre sue caratteristiche, utilizza metodi unici per divulgare le informazioni allo spettatore, lavorando attraverso oggetti di scena e scenografie indipendenti per tradurre idee complesse e altruistiche in idee semplici. Allo stesso tempo, Wright è anche bravo a sviluppare personaggi stravaganti lungo la strada.

Se dai un'occhiata alla sceneggiatura del film, la scarsa presenza di dialoghi ti sorprenderà. L'attenzione al dettaglio è senza dubbio paranoica e spiega le immagini ricche e significative. I primi sei minuti del film, infatti, non contengono un solo dialogo. Ma nonostante nulla venga detto e un buon marketing, sappiamo esattamente chi è Baby. Ci viene presentato il protagonista in un modo che capiamo come sarà nel film. Il primo colpo che Baby mette a segno ha qualcosa di molto simile al prossimo. Jon Bernthal, un accessorio poco importante in una scena altrimenti cruciale, e Jon Hamm si distinguono rispetto a Baby.

Wright usa intenzionalmente solo le due categorie, diciamo, in fotogrammi singoli, in modo che lo spettatore sia immediatamente abilitato a distinguere tra i cattivi e i buoni. Mentre Bernthal e Hamm sono rappresentati come rudi, sospettosi e imprevedibili, Baby si distingue come un essere affidabile e docile. Il bambino non vede affatto cosa fanno i ragazzi che guida, essendo profondamente assorbito dai suoi brani. Diventa cosciente e diffidente quando una pattuglia della polizia passa all'improvviso, proprio come farebbe qualsiasi persona rispettosa e rispettosa della legge. Questo ci comunica immediatamente che non è il cattivo del film, temendo la legge come tutti i buoni.

Questo uso delle immagini come mezzo visivo per migliorare la narrazione è usato in modo appropriato da Wright e traspare in 'Baby Driver'. Proprio come i fratelli Coen, Wright si appropria delle sfumature oscure della commedia attraverso l'uso di storie all'interno delle storie. Inquadrare una scena all'interno di una scena è il punto forte dei Coen, e Wright se la cava abbastanza bene con le limitate opportunità che ha di sperimentare.

L'arazzo visivo e la modifica rapida

L'uso prepotente di Wright del mezzo visivo per comunicare è stato ben consolidato nel titolo precedente. Fin dall'avanzamento della narrazione, al conferimento di tratti caratteriali, le immagini di Wright fanno tutto. Un'altra caratteristica notevole del marchio cinematografico di Wright è il suo montaggio descrittivo e veloce. Normalmente, i film d'azione si basano maggiormente sui contenuti di una singola scena piuttosto che sul collegamento di due scene. La transizione di Baby Driver è fluida, ben coreografata e vorace nel descrivere il suo protagonista.

Baby si presenta come un cittadino moralmente onesto e rispettoso della legge. Il suo disgusto per la violenza e le pratiche non etiche è reso abbastanza chiaro dalla sottile esperienza di Wright. Ad esempio, la scena in cui la seconda squadra rapina una banca ei tre scagnozzi picchiano le guardie di sicurezza, Baby tira avanti la sua macchina e blocca la visuale, scegliendo di non essere uno spettatore delle conseguenze delle sue azioni. Una tale maestria è rara da raggiungere e Wright la usa come strumento per descrivere il tipo di persona che Baby è veramente. Usare le immagini per raccontare storie è stata una parte fondamentale del cinema.

Fin dalla nascita del mezzo, i film muti hanno creato una tradizione di utilizzo di immagini in movimento per raccontare una storia. Wright lo mescola con il suo stile di montaggio rapido e infonde nella sua versione della narrazione un profondo senso della presenza tangibile dello spettatore nelle scene. Il passato di Baby occupa un paio di scene, ancorate dal suo acufene, che interrompe con la musica. Come il suo difetto fisico, il suo passato fluttua con lui ovunque vada, qualunque cosa faccia. Dall'inizio alla fine, Wright si attiene alla sua formula magica e funziona perfettamente.

La musica come lingua

La musica è di gran lunga la merce più essenziale nel marchio del cinema di Wright, in particolare 'Baby Driver'. La colonna sonora, dominata dalla musica classica e rock, funziona come una seconda lingua oltre ai dialoghi per Wright per comunicare con noi. A differenza dei film tradizionali di Bollywood, che usano la musica e i numeri degli oggetti per vendere i biglietti, l'uso della musica di Wright è encomiabile ed è senza dubbio la caratteristica distintiva della sua visione di un film. Le scene, che altrimenti sarebbero incentrate sul dialogo e sulla reazione a quelle parole, sono piene di musica e di un fluido lavoro di ripresa. Il ritmo del film ti lascia quasi senza fiato, immergendoti nel suo colorato universo cinematografico.

Le scene di inseguimento in auto sono girate in sottofondo di musica rock - veloce, spensierata, cruda - mentre la storia d'amore tra i due protagonisti è girata in mezzo a una musica rilassante, che si anima con immagini rilassanti e un uso sofisticato di abbigliamento e luci. La musica, quindi, è il linguaggio principale per gli spettatori per comprendere le dinamiche dei personaggi. La visione di Wright per i suoi personaggi rende l'intero esercizio molto fruttuoso, che eleva la qualità del film.

Il finale

Parliamo ora della fine. Anche se potrebbe sembrare molto semplice, l'istinto registico di Wright lo rende piuttosto interessante. Dopo che Baby e Deborah hanno apparentemente superato l'ultimo degli ostacoli tra il loro amore, scoprono una barricata della polizia, che spezza i loro cuori. Baby accetta il suo destino e si arrende. Il processo che segue vede molti testimoni salire e parlare a favore di Baby. Il giudice gli dà una condanna a 25 anni con cinque anni per buona condotta. In quella che sembra quasi una sequenza da sogno, Baby e Deborah si riuniscono e condividono un bacio appassionato.

Il finale divide il film in due parti. Il primo è dove Baby è una parte di un mondo a cui non appartiene o in cui non vuole essere. Il secondo è un mondo in cui vuole vivere con Deborah, uno in cui è per sempre con lei, e non lo è. spettatore di qualsiasi violenza. Quando i due capitano sulla barricata della polizia, Deborah vuole scappare, preme subito sull'acceleratore, ma Baby, invece, la ferma, premendo sul contropiede, questa volta, con l'intenzione di iniziare la sua nuova vita nel modo corretto . È la sua liberazione dal primo mondo che spinge Baby a comportarsi nel modo giusto questa volta. Nel montaggio seguente, le azioni di Baby sono quasi come le faccende domestiche funzionanti. Questa transizione da un mondo di violenza e immoralità pone Baby in un mondo a cui appartiene veramente.

Ricordi il riferimento a Dolly Parton nel film prima? 'Dolly Parton, mi piace', dice Baby. E lei dice: 'Tutti vogliono la felicità, nessuno vuole il dolore, ma non può esserci un arcobaleno senza un po 'di pioggia'. L'intero processo che Baby deve attraversare nel film; guidare i cattivi in ​​giro, poi combatterli, culmina con l'arcobaleno della sua vita; Deborah. L'arcobaleno, alla fine, è sicuramente un lieto fine per Baby. Alla fine, lo stesso Wright dice:

“Penso che la scena finale sia pronta per l'interpretazione. E ho imparato rapidamente attraverso il processo di screening del test che avrei dovuto lasciare che le persone lo interpretassero come vogliono. Penso che sia una cosa importante con i film in cui non devi dichiarare la tua reale intenzione perché la risposta di nessuno è sbagliata. Penso che sia una buona cosa da fare; non vuoi che nessuno dica: 'No, ti sbagli, hai letto male'. È meglio se hai due interpretazioni diverse '.

Il rifiuto di Wright di buttarci giù un finale unidimensionale dimostra il suo coraggio come regista e narratore. Se Baby abbia effettivamente incontrato Deborah fuori dalla struttura rimarrà un mistero. Sta a te interpretare il finale nel modo che ritieni opportuno. Se sei un ottimista, potresti interpretare il finale come una realtà. Ma se sei pessimista, potresti interpretare immagini quasi sfocate come un sogno che Baby sembra condividere con Deborah, invece di uno scenario di vita reale.

Parola finale

'La visione incommensurabilmente umana della società di Baby Driver e tutto ciò che è sbagliato in essa è un'esperienza indimenticabile che genera un meraviglioso vortice di emozioni con il suo montaggio nitidissimo. I grandi talenti di Wright come narratore accrescono il noioso calvario di Baby verso la salvezza, rendendo il viaggio estremamente eccitante e soddisfacente. Certamente, non perderti questo!

Leggi di più in Spiegatori: Manchester in riva al mare | Ragazza andata | John Wick 2

Copyright © Tutti I Diritti Riservati | thetwilightmovie.com