Fine dell'arrivo, spiegato

Fantascienza è uno dei generi a cui mi avvicino esitante perché tendo ad analizzare troppo la scienza o cerco un messaggio filosofico profondo alla fine e quasi sempre finisco per essere insoddisfatto. Inoltre, quando si tratta di fantascienza, sono sempre consapevole della natura fittizia del film e quindi mi manca qualsiasi tipo di intimità nei confronti dei personaggi o del film stesso. In quel particolare aspetto, 'Arrivo' è una brillante eccezione. È così incredibilmente intimo (per uno sci-fi) che riesce a distrarre il pubblico dall'essere pedante sui minimi dettagli del gergo scientifico. In ogni caso, ha un finale abbastanza confuso e interessante che pone una miriade di domande. Entriamo e vediamo cosa è successo.

Attenzione: SPOILER AVANTI!



Riassunto della trama



Il film si apre con quelli che sembrano essere dei flashback di Louise ( Amy Adams ) in varie fasi della crescita della figlia e alla fine della morte giovane di cancro. Il padre del bambino è vistosamente assente nei ricordi. Al momento, Louise è una professoressa di linguistica in un'università. La storia inizia quando dodici veicoli extraterrestri si presentano in diversi luoghi in tutto il mondo. In qualità di linguista esperto che ha già il nulla osta di sicurezza, Louise ha l'opportunità di decifrare le voci degli esseri extraterrestri nel veicolo che è apparso nel Montana, negli Stati Uniti. Insieme a una squadra che include un fisico Ian ( Jeremy Renner ), interagisce con i due heptapod (esseri a sette arti) nella navicella, che chiamano Abbott e Costello. Mentre collabora con tutte le dodici squadre, Louise riesce finalmente a imparare la lingua degli heptapod.

Fin dal suo primo incontro con gli eptapodi, Louise riceve occasionalmente dei flashback di sua figlia. Ha familiarizzato con il linguaggio degli heptapod e ha persino iniziato a sognarci. Con l'intensificarsi della tensione globale, alcuni paesi decidono di smettere di lavorare insieme e prendere una piega aggressiva contro i visitatori. Mentre le squadre sono separate l'una dall'altra, Louise e la compagnia finalmente pongono con successo agli heptapod la domanda da un milione di dollari: 'Qual è il tuo scopo sulla terra?' Hanno risposto casualmente: 'Offri un'arma'. Per ovvie ragioni, la parola arma spaventa tutti. Louise cerca di calmare tutti sottolineando come gli eptapodi potrebbero non essere in grado di distinguere tra le parole 'strumento' e 'arma', senza alcun risultato. Louise e Ian decidono di fare un'altra sessione con gli heptapod per chiarire la loro risposta.



Nel frattempo, alcuni soldati ribelli, aggravati dai media e dal fiasco delle 'armi', piazzano bombe nella navicella mentre Louise e Ian sono dentro a chiarire le loro domande. Se gli eptapodi fossero stupidi come esseri umani, questo potrebbe facilmente essere stato l'incidente di Sarajevo che ha portato all'istante a una distruttiva guerra tra specie. Fortunatamente non lo erano. Lasciano un messaggio intricato e complicato alla fine ed espellono Louise e Ian appena prima dell'esplosione, dopodiché l'astronave sale più in alto da terra negando alla squadra la possibilità di ulteriori interazioni.

La squadra ha difficoltà a capire l'ultimo messaggio degli heptapod. Nel frattempo, le cose a livello globale peggiorano quando uno dei siti riceve un messaggio 'Usa arma' a causa del quale la Cina decide di attaccare il veicolo spaziale. A causa delle terribili circostanze, il team statunitense decide di evacuare dall'area. Come ultimo tentativo prima dell'evacuazione, Louise si avvicina alla navicella e ne esce una capsula per lei. La capsula la porta alla navicella e lei comunica con Costello. Viene a sapere che Abbott è morto / sta morendo (Costello fa un'affermazione ambigua: 'Abbott è in procinto di morire') a causa dell'esplosione. Il fatto che non si trattasse di flashback che ha visto viene rivelato al pubblico quando Louise chiede 'Chi è questa ragazza?' di sua figlia nelle visioni. Costello le dice che può vedere il futuro e che l ''arma' / regalo apre il tempo. Inoltre, sono qui per equipaggiare l'umanità perché hanno bisogno dell'aiuto dell'umanità in 3000 anni.

Una volta tornata al campo, Louise ha una visione del prossimo futuro (18 mesi dopo) quando incontra il generale cinese Shang a una funzione. Le racconta di come è riuscita a fargli cambiare idea sull'attaccare gli heptapod chiamandolo sul suo telefono personale e dicendogli le ultime parole di sua moglie. A Louise perplessa, dà il suo numero di telefono e le ultime parole di sua moglie. Nel presente, subito dopo la visione, Louise usa un telefono satellitare per contattare il generale Shang e gli dice le ultime parole di sua moglie la cui traduzione inglese è fondamentalmente 'In guerra non ci sono vincitori, solo vedove'.



Alla fine, il generale annulla l'attacco, gli eptapodi lasciano il pianeta e la crisi globale viene scongiurata. Prima di lasciare il campo, Ian dichiara il suo amore per Louise e li vediamo insieme e sposati nelle prossime scene dal futuro. Quando Ian le propone l'idea di concepire un bambino, sceglie di seguirla anche se sa già che sua figlia morirà giovane di cancro e che Ian alla fine la lascerà per andare avanti con la relazione nonostante lei sia a conoscenza del destino della figlia. Quindi, una volta che ti rendi conto che ogni 'flashback' che abbiamo visto proviene, in effetti, dal futuro, l'unica grande domanda rimasta è perché Louise è capace di vedere il futuro.

Come può Louise vedere il futuro?

In una delle scene, Louise e Ian parlano di come la competenza in una particolare lingua possa influenzare il modo in cui si pensa. Questa, probabilmente, è la linea più significativa del film che spiega la trama. Gli eptapodi usano logogrammi che sono simboli che possono rappresentare parole o sentimenti o anche intere frasi al contrario di come usiamo i simboli solo per rappresentare suoni o parole nella maggior parte delle nostre lingue. Ancora più importante, la loro lingua ha una scrittura ortografica non lineare, il che significa che le loro frasi non sono scritte linearmente da un'estremità all'altra come facciamo in ogni lingua conosciuta dall'umanità.

Quando gli eptapodi scrivono i loro logogrammi, lo fanno quasi istantaneamente (ne scrive ogni parte simultaneamente) mostrando come sanno esattamente dove finirebbe la 'frase' e quanto spazio è necessario tra le parole. I logogrammi circolari nella loro lingua non hanno un inizio o una fine apparente ed è esattamente così che percepiscono il tempo. Il tempo è circolare per quanto li riguarda. Non c'è inizio né fine. Nessun passato, nessun presente e nessun futuro. Solo tempo! Quindi, sono in grado di vedere il futuro (così come lo conosciamo), che può essere attribuito come un effetto della natura circolare del loro linguaggio. Quindi, mentre Louise impara il linguaggio degli eptapodi, diventa capace di vedere il futuro e quella capacità è il dono agli umani che alla fine permetterà all'umanità di aiutare gli eptapodi in 3000 anni. Sì, la lingua è l'arma!

Fine dell'arrivo, spiegato

La più grande rivelazione del film è quando ti rendi conto che gli apparenti flashback di sua figlia che abbiamo visto durante il film sono in realtà flash-forward o visioni dal futuro. È anche importante notare che Louise inizia a ricevere queste visioni solo dopo il suo primo incontro con gli heptapod. Il flash forward nella scena di apertura del film NON è una visione che Louise sta avendo. Quello era solo uno strumento narrativo usato dallo scrittore per portare il pubblico a credere che ogni visione imminente fosse un flashback. Il fatto che il nome di sua figlia Hannah, una palindromo, sia anche un cenno al tema circolare generale del film.

Pensieri finali

Il filosofico La domanda che il film pone al pubblico è questa: 'Se potessi vedere tutta la tua vita dall'inizio alla fine, cambieresti le cose?' Louise no. Sposa Ian sapendo che la loro figlia morirà di cancro. Lei sa che lui la lascerà quando si renderà conto che lei sapeva della prematura scomparsa della figlia. Da un punto di vista emotivo, è un'esperienza così orribile che deve vivere. Perdere il proprio figlio da solo è una delle esperienze più traumatiche che chiunque debba sopportare.

Inoltre, trascorrerà ogni singolo giorno degli anni con sua figlia sapendo che la fine è vicina. Anche nella vita reale, sebbene nessuno conosca il futuro esatto, ci sono momenti in cui siamo consapevoli delle conseguenze delle nostre azioni e finiamo comunque per farlo. È una domanda molto affascinante quella che ci pone lo scrittore. Indipendentemente dagli aspetti filosofici di esso, pur essendo estremamente rilevante accennando a come le nazioni dovrebbero lavorare insieme e parlando dell'inutilità della guerra, 'Arrival' è un'emozionante sci-fi esperienza che ci fornisce gli onnipresenti aspetti sbalorditivi di a film sui viaggi nel tempo per tutto il tempo incredibilmente intimo.

Copyright © Tutti I Diritti Riservati | thetwilightmovie.com