#Alive: Spiegazione della fine

'#Alive' è un film per l'era COVID-19. L'ultimo del regista Cho Il-hyung ha una strana somiglianza con il mondo così com'è, evocando una strana sensazione di déjà-vu. Con Yoo Ah-in e Park Shin-hye, '#Alive' racconta la commovente storia di solitudine nel bel mezzo di a zombificante epidemia. Sebbene ambientato in universi molto diversi, la premessa di '#Alive' suona familiare.

# La trama di Alive: un segno dei tempi

Il nostro protagonista, Joon-woo, un giorno si risveglia in un mondo messo in ginocchio da un virus. Il virus, che trasforma le persone in zombi carnivori urlanti, si è fatto strada tra le masse. Sfortunatamente per Joon-woo, il suo complesso di appartamenti si è rapidamente trasformato in un punto caldo. La gente spinge, tira e morde per uscire dai vicini grattacieli mentre Joon-woo osserva con orrore.



È qui che '#Alive' inizia a colpire troppo vicino a casa. L'alta densità di popolazione contribuisce alla diffusione del virus. Con gli zombi che vagano per le strade alla ricerca di carne fresca e nessun altro sopravvissuto di cui sia a conoscenza, il nostro protagonista non ha altra scelta che isolarsi dal resto del mondo, come se fosse in quarantena. Che sia intenzionale o meno, i paralleli tracciati tra il tetro universo '#Alive' e il nostro sono stridenti.



Joon-woo respinge gli zombi parcheggiando un frigorifero davanti alla sua porta, sbarrando le finestre e rimanendo rigorosamente in casa. Cibo e acqua iniziano a scarseggiare ei segnali di rete sono quasi inesistenti. Nonostante una connessione Internet debole, Joon-woo riesce a pubblicare un grido di aiuto sui social media. Quando, per un colpo di fortuna, Joon-woo riesce a comunicare con la sua famiglia, viene accolto dai suoni di loro che vengono sbranati dagli zombi. Il film segue poi con calma la discesa di Joon-woo nella depressione, forse per suscitare nello spettatore la stessa sensazione di sconvolgente disperazione.

Scoraggiato e amaramente solo, Joon-woo decide che sarebbe meglio se fosse morto. Proprio mentre sta per soccombere al suicidio, vede il segno di un'altra vita. Una luce laser risplende sul suo viso. Nell'appartamento di fronte al suo, c'è una ragazza, Yoo-bin, che lo osserva attentamente. Abbandonando ogni pensiero di suicidio, Joon-woo si dirige verso la finestra per fare la sua conoscenza. Date le loro circostanze, i due formano una rapida amicizia.



Scopriamo che Yoo-bin è sopravvissuto più o meno allo stesso modo in cui è sopravvissuto: porte barricate, armi improvvisate e nervi d'acciaio. Incapaci di sfuggire ai confini dei loro appartamenti, i due sopravvissuti trovano modi ingegnosi per colmare il divario pieno di zombi tra loro. Comunicano tramite walkie-talkie e si scambiano rifornimenti tramite una zipline improvvisata, il tutto tenendo a bada gli zombi assetati di sangue. Cominciano a escogitare un piano per fuggire dai loro appartamenti desolati e si riuniscono in (quello che sembra essere) un piano deserto nell'edificio di Joon-woo.

#Alive: Ending

'#Alive' decolla come un ottovolante, cominciando con una lenta salita nella prima metà e colpendo un crescendo assordante nella seconda. Il piano di Joon-woo e Yoo-bin inizia alla grande. Yoo-bin si fa strada verso l'edificio di Joon-woo in vero stile assassino di zombi e Joon-woo è un grande aiutante che uccide gli zombi. Ma quando arrivano al piano deserto, scoprono che non è così deserto come potrebbe sembrare. Gli zombi si nascondono in ogni angolo, affamati del loro prossimo pasto.

Il loro cavaliere in armatura scintillante è un uomo di mezza età di nome Lee Sang-chul che arriva portando trappole esplosive sotto forma di bombe fumogene. Porta abilmente i sopravvissuti nel suo appartamento e sconfigge gli zombi. Conquista la fiducia di Joon-woo e Yoo-bin raccontando loro di una squadra di soccorso che presto verrà in cerca di sopravvissuti. Ma ahimè, anche il loro cavaliere non è quello che sembra. Droga i due sopravvissuti e lancia Yoo-bin in una stanza chiusa a chiave come mangime per la moglie trasformata in zombie. Yoo-bin riesce a scongiurare le avance dello zombi finché Joon-woo non apre la porta. Lo zombi poi si aggrappa a suo marito e gli affonda i denti nodosi, proprio prima che Yoo-bin li spari a morte.



Yoo-bin e Joon-woo sono colpiti dalla vista della coppia mutilata. Yoo-bin affonda la pistola nelle mani di Joon-woo, rinunciando alla speranza di una squadra di soccorso in arrivo e non volendo finire come uno dei non morti. Ma il miracoloso vortice dei rotori dell'elicottero impedisce a Joon-woo di premere il grilletto. Con rinnovata speranza, i due si dirigono verso la terrazza, ma non senza un esercito di zombie alle calcagna. La squadra di soccorso arriva appena in tempo e Yoo-bin e Joon-woo vengono salvati al sicuro.

Che ne è di Yoo-bin e Joon-woo?

La paralizzante sensazione di solitudine è un tema ricorrente in tutto il film. Tutti i personaggi del film sono commossi dal loro senso di solitudine e separazione. Joon-woo è spinto a pensieri suicidi quando scopre che gli zombi potrebbero aver distrutto la sua famiglia. Yoo-bin cerca conforto a Joon-woo dopo giorni trascorsi nel cosiddetto blocco. Lee Sang-chul placa la sua solitudine non lasciando andare la moglie zombificata. Cho Il-hyung dipinge un'immagine comprensiva di come le persone affrontano la solitudine, sviluppando anche attaccamenti a versioni distorte dei loro cari.

Quando Yoo-bin e Joon-woo si ritrovano, trovano un terreno comune nell'isolamento che hanno subito. Fanno squadra e uniscono le loro teste per superare quella che sembra una sfida insormontabile.

L'universo di # Alive sconfigge il virus?

Questo ci porta al nostro prossimo tema: la solidarietà. In definitiva, '#Alive' si presenta come un film che celebra il trionfo dello spirito umano. A parte, Yoo-bin e Joon-won sono scoraggiati e pessimisti. Insieme, ottengono il meglio da uno sciame di zombi e ne escono vivi. Mentre costeggiano la città in elicottero, sentiamo trasmessi racconti di soccorsi. Utilizzando i social media, gli operatori di soccorso sono riusciti a rintracciare e salvare un certo numero di sopravvissuti, Joon-woo è uno di loro. Per farla breve, il film è un'ode alla solidarietà umana e all'entità delle difficoltà che può superare. Possiamo presumere che sebbene l'universo di '# Alive’s' abbia attraversato un calvario che anche estenuante non inizia a descrivere, alla fine, con unità e armonia, ha sconfitto il virus.

Copyright © Tutti I Diritti Riservati | thetwilightmovie.com