I 5 migliori ragazzi anime depressi tristi

A volte, la vita ti lancia una palla curva e non importa quanto ti sei preparato o allenato per rafforzarti all'esterno, certi eventi tendono a cambiare tutto ciò che una volta sapevi di te stesso. In momenti come questi, non possiamo fare a meno di sentirci completamente impotenti e depressi. Proprio come noi, ci sono momenti in cui i più grandi dolori della vita raggiungono i nostri personaggi anime preferiti e rimangono con il cuore spezzato e devastati.

Abbiamo dato la caccia ad alcuni di questi ragazzi anime che sono costretti a vivere una vita che è esistenzialmente deprimente e desolante . Ma nonostante tutte le probabilità siano contro di loro, questi ragazzi in qualche modo trovano un modo per rialzarsi e andare avanti con la vita nella speranza che le cose alla fine migliorino. Quindi, ecco l'elenco dei migliori ragazzi anime depressi di tutti i tempi:



5. Takashi Natsume (Libro degli amici di Natsume)

'I ricordi tristi fanno parte di ciò che mi rende quello che sono.' - Takashi Natsume



Takashi non è mai stato in grado di vivere una vita facile. Fin dall'infanzia ha avuto la capacità di vedere gli spiriti ma poiché tutti i suoi parenti lo trovavano strano, da orfano è stato costretto a spostarsi da un posto all'altro. Crescere con persone che lo disprezzano completamente lo trasforma completamente come persona e cresce per costruire un guscio intorno a lui. Vuole essere accettato dai membri della sua famiglia e desidera anche fare nuove amicizie, ma quando non lo fa, sviluppa questo comportamento freddo che lo aiuta ad affrontare la sua solitudine.

Tuttavia, le cose migliorano per lui quando scopre il 'Libro degli amici' di sua nonna. Insieme a Madara, uno spirito potente intrappolato in un corpo di 'Maneki meko', intraprende un viaggio per liberare tutti gli spiriti nel diario di sua nonna. Questo non solo lo aiuta a fare nuove amicizie, ma gli insegna anche preziose lezioni di vita. Con il tempo, mentre restituisce agli spiriti i loro nomi, impara anche ad aprirsi alle persone e agli spiriti empatizzando con loro, Alla fine, si rende conto che una parte dei suoi genitori sarà sempre con lui e non può cambiare il fatto che è un orfano; ma può ancora scegliere di vivere una vita più felice andando avanti e non guardando mai più indietro ai suoi dolori.



4. Shinichi Izumi (Parasyte -la massima-)

'Non posso più piangere. Mi sento come se avessi perso qualcosa. Una parte importante dell'essere umano. ' - Shinichi Izumi

Shinichi Izumi ( Parasyte -la massima- ) sembra avere la vita di un normale Scuola superiore adolescente fino a quando un giorno, un parassita entra nel suo corpo e prende il controllo della sua mano destra. Questo porta a una strana collaborazione tra lui e il parassita in cui entrambi cercano di avere lo stesso controllo sul suo corpo. Sebbene stia ancora lottando per affrontare questa strana creatura che ha preso il controllo di una parte del suo corpo, Shinichi cerca di essere positivo su ciò che lo aspetta. Lo usa anche a suo vantaggio combattendo altri parassiti che stanno cercando di conquistare il mondo.

I suoi genitori un giorno partono per una vacanza e allora la sua vita prende una brutta piega. Riceve una strana telefonata da suo padre che gli dice che sua madre è stata rilevata da un parasita. Quando arriva a casa, il suo parasita, Migi, lo avverte che non è lei ma Shinichi che si sente paralizzato dalla brutale realtà della situazione. Sua madre cerca di ucciderlo, ma è allora che Migi viene in suo soccorso e uccide sua madre. Questa situazione traumatica lascia un profondo impatto sulla vita di Shinichi e per rimediare in qualche modo a tutto questo, fa del suo meglio per essere l'eroe tanto necessario per il mondo. Sebbene prenda tutte le sue sconfitte come una motivazione per agire coraggiosamente e proteggere il mondo, non è mai veramente in grado di superare completamente la tragedia che ha affrontato in precedenza.



3. Shinji Ikari (Neon Genesis Evangelion)

'Non so ancora dove trovare la felicità. Ma continuerò a pensare se è bello essere qui & hellip; se era bello essere nati. Ma alla fine, sta solo realizzando l'ovvio più e più volte. Perché sono me stesso. ' - Shinji Ikari

In un post-apocalittico anime in cui l'umanità è sull'orlo dell'estinzione, puoi sicuramente aspettarti molti personaggi depressi. Uno di questi è, ovviamente, il nostro protagonista principale Shinji Ikari. Shinji sembra avere una vita molto semplice e noiosa fino a quando un giorno, è costretto a unirsi alla Nerv. La Nerv è fondamentalmente un'organizzazione che ha progettato robot giganti chiamati Evangelions. Questi robot sono in grado di uccidere gli angeli che stanno lentamente conquistando il mondo. Shinji dimostra di essere un promettente pilota di questi robot e dovrebbe affrontare le creature oscure in tenera età. Le cose peggiorano quando arriva in associazione e si trova ad affrontare il padre che lo aveva abbandonato da bambino. Anche dopo tutti questi anni, suo padre non mostra assolutamente alcuna emozione nei suoi confronti, facendo capire a Shinji che lui è davvero il bambino indesiderabile. Questa paura dell'abbandono ha avuto un impatto profondo sulla sua vita poiché gli ha sempre impedito di creare legami profondi con le persone. Shinji ha paura che se finisce per attaccarsi a qualcuno, finirà di nuovo per perderlo proprio come ha perso suo padre.

Più tardi, tuttavia, Shinji fa un atto di fede e decide di fare amicizia con Kaworu Nagisa. Ma anche questo non finisce troppo bene per lui poiché si rende conto che Kaworu è in realtà un angelo e lo ha usato per tutto questo tempo. Quando il suo unico migliore amico, Toji Suzuhara, viene successivamente rilevato da un angelo, non ha altra scelta che ucciderlo lui stesso. Sebbene Shinji fosse sempre stato una persona introversa a causa del suo passato travagliato, sono questi eventi che lo distruggono ulteriormente. Alla fine, si rende conto di essere condannato dalle sue stesse insicurezze e sebbene a suo padre non importi se vive o muore, non cerca nient'altro che la sua approvazione.

2. Tomoya Okazaki (Clannad After Story)

“Se hai voglia di piangere non dovresti trattenere le lacrime. Dovresti sfogare tutto finché puoi perché quando diventi più grande, a volte, non puoi piangere anche se hai qualcosa per cui piangere. ' - Tomoya Okazaki

Tomoya Okazaki in qualche modo rimane forte dopo aver perso sua moglie, Nagisa, a causa di una malattia mortale. Lo fa perché ora la responsabilità di crescere la sua giovane figlia ricade completamente su di lui. Ma anche dopo aver attraversato così tante cose, la tragedia bussa di nuovo alla sua porta quando a sua figlia viene diagnosticata la stessa strana malattia di sua moglie. Per un momento, tutto il suo mondo inizia a cadere a pezzi, ma si mantiene ancora forte per sua figlia. Da qualche parte nel profondo spera di poterla salvare. Ma le sue condizioni peggiorano di giorno in giorno e lui è gradualmente costretto a credere che lei stia andando incontro alla stessa sorte di sua moglie.

Un giorno si siede vicino alla finestra e guarda il deserto innevato che una volta era un paradiso per lui. È allora che sua figlia, Ushio, gli dice che vuole fare un viaggio. Sebbene inizialmente riluttante, non è in grado di dirle di no e alla fine accetta di portarla a fare una passeggiata. E mentre iniziano a camminare lentamente in un paesaggio bianco ricoperto di neve, i passi di Ushio diventano sempre più pesanti. Tomoya cerca di impedirle di camminare ma lei continua finché non crolla tra le sue braccia e muore. C'è un limite alla quantità di sofferenza che un uomo può sopportare prima che questo lo spezzi completamente. Per Tomoya, questo limite viene raggiunto quando sua figlia muore tra le sue braccia . Alla fine, inizia persino a chiedersi se le cose sarebbero andate molto meglio se non avesse mai incontrato Nagisa. Anche se la risposta a questa domanda rimane un mistero, come spettatori, possiamo solo sperare che il detto 'è meglio aver amato e perso che non aver mai amato affatto' rimarrà vero per lui.

1. Eren Yeager (Attack on Titan)

'Non ho tempo per preoccuparmi se è giusto o sbagliato, non puoi sperare in una storia dell'orrore con un lieto fine!' - Eren Yeager

Il fine della stagione 3 di 'Attack on Titan' ti mostra quanto sia incasinato Eren Yeager all'interno. Eren non ha mai avuto una vita pacifica. In una giovane età molto sensibile, la sua stessa casa fu distrutta e sua madre fu mangiata dai Titani proprio davanti ai suoi occhi. Ma invece di crollare nei confini delle mura giganti che circondano la sua civiltà, ha scelto di reagire e cercare la libertà. E sebbene questa fame di libertà lo abbia spinto a raggiungere un punto in cui, in numerose occasioni, ha salvato il suo popolo dai Titani, alla fine non ha nemmeno importanza.

Eren una volta aveva i tratti eroici di alcuni dei i più grandi eroi dello shounen piace Goku e Naruto il che gli ha fatto credere che non arrendersi alla fine ripagherà. Tuttavia, si rende presto conto di vivere in un mondo in cui deve rinunciare alla propria umanità per ottenere la libertà. Se in qualche modo ottiene la libertà che cerca dopo aver rinunciato a tutto ciò che apprezza, si considererà un successo? Sarà davvero felice?

Copyright © Tutti I Diritti Riservati | thetwilightmovie.com