12 migliori film danesi di tutti i tempi

La Danimarca ha una storia ricca e varia con il cinema, che è stata spesso trascurata a favore dei piatti di altri paesi. I danesi si sono innamorati del cinema sin dall'inizio. Il primo film prodotto in Danimarca fu pubblicato nel 1897 e il primo studio fondato già nel 1906 da Ole Olsen. Registi e attori danesi sono stati invariabilmente acclamati, dai giorni inebrianti di Asta Nielsen e Benjamin Christensen a Carl Dreyer, e poi a Lars von Trier e Mads Mikkelsen, tra molti altri luminari.

L'aspetto assolutamente affascinante del cinema danese è che tali sforzi creativi sono così amati e così innamorati nello spirito di fratellanza che la maggior parte dei loro film sono finanziati pubblicamente. Gli ideali del cinema danese si fondano sulla libertà e sulla cooperazione, che si insinua nelle loro celebri opere. Una menzione speciale deve essere data al Danish Film Institute, l'agenzia cinematografica nazionale che ha contribuito a sostenere gli eccellenti standard del cinema danese. Ecco l'elenco dei migliori film danesi di sempre che, si spera, diffonderanno il loro impatto a un pubblico più ampio e che venerano lo spirito disinibito del genio cinematografico danese. Puoi trovare alcuni di questi migliori film danesi su Netflix, Hulu o Amazon Prime.



12. Cuori aperti (2002)



Il trionfo cinematografico di Susanne Bier riguarda le vite di due coppie, Marie-Niels e Joachim-Cecilie, le cui vite si intrecciano con effetti catastrofici. Lo scrittore Anders Thomas Jensen è al top con il suo assiduo collaboratore Bier. La sua sceneggiatura sensibile trattiene abilmente l'angoscia e l'onestà dei personaggi e, per estensione, la nostra attenta attenzione. Con le performance strazianti dei quattro protagonisti (Paprika Steen, Sonja Richter, Nikolaj Lie Kaas e Mads Mikkelsen) e aiutati dai metodi diretti e minimalisti della struttura 'Dogme 95', 'Elsker dig for evigt' (il suo nome originale danese ) è un indubitabile tour de force emotivo.

11. The Pusher Trilogy (1996-2005)



Una rappresentazione matura e disinibita del mondo criminale danese. Coreografia senza soluzione di continuità che si fonde con gli argomenti scuri e grintosi. Un ritratto netto del caos e dei danni associati alle droghe, a parte la sola dipendenza. Una serie responsabile dell'avvio della carriera di un artista in buona fede. Una serie in tre parti in cui i film sono indipendenti l'uno dall'altro, ma raccontano una storia avvincente che si lega a tutti loro. Una serie che dimostra quanto siano oscure le prospettive del bene e del male in un mondo oscuro come la malavita di Copenaghen, attraverso i suoi diversi protagonisti.

Chiunque sarebbe scioccato con buone ragioni per scoprire che tutti i criteri di cui sopra sono perfettamente soddisfatti dall'inimitabile trilogia 'Pusher' di Nicolas Winding Refn. Sorprendentemente, 'Pusher' è stato il debutto alla regia di Refn nonché l'inizio di una certa carriera di attore di Mads Mikkelsen. Questa trilogia rappresenta un punto culminante nella rappresentazione della cultura criminale e uno dei migliori film danesi.

10. Gli idioti (1998)



'The Idiots' ('Idioterne') è il secondo film della famosa trilogia 'Golden Heart' del maestro Lars von Trier. Preceduto da 'Breaking the Waves' e seguito da 'Dancer in the Dark'; entrambi i film sbalorditivi a pieno titolo; questo film controverso esplicito segue anche la tecnica 'Dogme 95' propagata dallo stesso von Trier, alla perfezione. Questo film ribelle ha un gruppo indisciplinato che esplora il loro 'idiota interiore' mentre scherzano recitando intenzionalmente come affetti da disabilità intellettiva. Sfidano senza mezzi termini le convenzioni dell'establishment, che culmina in una conclusione caotica ma, in definitiva, soddisfacente.

9. Pelle the Conqueror (1987)

'Pelle Erobreren' nell'originale danese, questo scintillante pezzo di cinema ha ottenuto numerosi riconoscimenti al momento del rilascio. Tuttavia, questo capolavoro di Bille August è molto più dei suoi premi, che ritrae una toccante relazione padre-figlio di fronte alle avversità.

Il film mostra il meticoloso viaggio intrapreso in una sgradita terra danese da due immigrati svedesi, Lasse (Max von Sydow) e suo figlio, l'omonimo Pelle (Pelle Hvenegaard). Le esecuzioni principali sono incredibilmente accurate. La performance di von Sydow è stata particolarmente lodata, per aver fatto emergere il pathos e la speranza in una situazione disastrosa. Il film ha vinto alla Danimarca il suo secondo Oscar consecutivo come miglior film in lingua straniera. Ha anche vinto la Palma d'Oro a Cannes e ha ottenuto una candidatura all'Oscar per von Sydow come miglior attore.

8. The Bench (2000)

Per Fly ha dimostrato di essere radicato nella dura realtà sociale della sua nativa Danimarca attraverso la sua filmografia. Il primo progetto sostanziale che ha intrapreso è stata la sedicente trilogia della Danimarca. I tre film si sono concentrati sulle sue tre classi sociali distinte: la classe inferiore, superiore e media. Il primo di questi è stato 'The Bench' ('Bænken') e ha rappresentato il sagace debutto alla regia di Fly.

Jesper Christensen è notevole nei panni del protagonista Kaj, il cui unico interesse è ubriacarsi con anime smarrite che la pensano allo stesso modo in una panchina pubblica. Tuttavia, la sua vita cambia drasticamente quando una madre single si trasferisce nel quartiere. Di conseguenza si ritrova a mettere in discussione il suo stile di vita e il suo presente rovinoso con lucidità ricercata con grande effetto.

7. Nightwatch (1994)

Il regista Ole Bornedal ha offerto al pubblico danese un po 'di aria fresca di cui aveva tanto bisogno con il suo thriller del 1994 'Nightwatch'. Il cinema danese era proliferato di cupi drammi di guerra o macchinazioni sociali e ingiustizie, quindi 'Nattevagten' (nell'originale danese) si è rivelato piuttosto significativo.

Si concentra su uno studente di giurisprudenza Martin (Nikolaj Coster-Waldau) che assume un lavoro innocuo come guardiano notturno in un obitorio. Durante la sua permanenza lì, un serial killer con la propensione a scalpare le teste delle sue vittime, è attivo a Copenhagen. Martin viene inavvertitamente coinvolto nella caccia all'assassino, che ha degli strani avvenimenti sul posto di lavoro notturno di Martin. È una trattazione tesa di un argomento adeguatamente agitato, e Ulf Pilgaard merita una menzione speciale nel suo ruolo di detective determinato a catturare l'assassino.

6. King's Game (2004)

'Kongekabale' nel titolo danese, questo teso thriller politico è un ipnotizzante adattamento dell'omonimo libro dell'ex funzionario stampa del governo Niels Krause Krjær. Il pedigree politico di Krjær conferisce una sicura autenticità parallela alla storia, nonostante sia una narrativa di fantasia.

Il film vede Anders W. Berthelsen nei panni dell'intransigente giornalista Ulrik Torp, che non lascerà nulla di intentato nei suoi tentativi di scoprire la cospirazione dietro le elezioni parlamentari danesi. Søren Pilmark è assolutamente convincente nei panni di Erik Dreyer, la mente connivente e spietata della cospirazione, che è disposto a fare qualsiasi cosa per essere il prossimo Primo Ministro danese. Nonostante un'aspettativa di esagerazione, il film fa bene a presentare abilmente la sua trama esplosiva.

5. Italiano per principianti (2000)

Molti dei film in questo elenco hanno aderito ai principi rigorosi ma organici del movimento 'Dogme 95'. L'enfasi è quasi inevitabile, a volte, ed è la prova di quanto sia ancora influente la metodologia di von Trier e Vinterberg. Tuttavia, 'Dogme 95' è tipicamente associato a un cinema serio, quasi austero. 'Italiensk for begyndere' di Lone Scherfig è una notevole eccezione. Segue anche 'Dogme 95' ma è una commedia romantica.

Scherfig aveva adattato la trama commovente del romanzo 'Evening Class' dello scrittore irlandese Maeve Binchy. Le storie collegate di Andreas, un pastore (Anders W. Berthelsen), Olympia (Anette Støvelbæk) e Karen (Ann Jørgensen), tra gli altri, mostrano una serie deliziosamente commovente di personaggi che combattono perdite, stringono amicizie e affrontano la vita con disinvoltura. 'Italiensk for begyndere' è in una classe a sé stante, a causa della sua rappresentazione unica che è piuttosto una rarità nel suo genere.

4. The Hunt (2012)

Thomas Vinterberg mette in ombra se stesso in 'Jagten' ('La caccia') che ritrae un famoso insegnante d'asilo (Mads Mikkelsen) tormentato dalle accuse di pedofilia mentre la sua vita viene sconvolta.

La posizione del film aiuta a capire come la società è pronta ad accettare accuse riprovevoli sul loro valore nominale e come le vite possono essere influenzate se tali accuse vengono trattate in modo errato.

Mikkelsen opera a un livello senza precedenti in questo film coraggioso, abilmente supportato da Alexandra Rapaport e Thomas Bo Larsen. La sua simpatica interpretazione in testa porta superbamente in primo piano le domande decisamente difficili e Vinterberg fa un ottimo lavoro nel bilanciare due lati altamente instabili del suo tema delicato.

3. Dopo il matrimonio (2006)

'After the Wedding' ('Efter brylluppet' nell'originale danese) è il ritratto meticolosamente elaborato di relazioni, dedizione, carità e compassione di Susanne Bier. Mads Mikkelsen è l'attrazione principale di un cast brillante che dà vita a questo dramma rinvigorente.

Mikkelsen interpreta Jacob, manager di un orfanotrofio indiano dove ha stretto un legame speciale con una delle giovani cariche, Pramod (Neeral Mulchandani). A causa delle finanze in calo, Jacob deve recarsi a Copenaghen per accettare la donazione di un finanziere (Rolf Lassgård), poiché desidera incontrare Jacob di persona. Questa strana proposta dà il tono alle sorprendenti rivelazioni che seguono, con i personaggi ben disegnati che disegnano abilmente il nostro investimento emotivo. Più e più volte, Bier ha dimostrato la sua abilità nel gestire le emozioni umane in tempi difficili e oscuri, e 'Efter brylluppet' è un fulgido esempio.

2. La parola (1955)

Carl Theodor Dreyer è considerato uno dei migliori registi in assoluto che il cinema mondiale ha avuto da offrire, e con ragioni schiaccianti. I suoi film avevano un realismo diverso da tutti gli altri, e la sua enfasi su immagini vivide e indelebili ha portato ad alcune delle migliori riprese cinematografiche. 'Ordet' ('La Parola') è senza dubbio l'opera più bella che abbia mai realizzato.

La religione gioca un ruolo cruciale in questo dramma silenziosamente toccante e cupo. È incentrato su una famiglia rurale danese nel 1925, con il patriarca Morten Borgen (Henrik Malberg), i suoi tre figli Mikkel (Emil Hass Christensen), Johannes (Preben Rye) e Anders (Cay Kristiansen) e la moglie di Mikkel Inger (Birgitte Federspiel) .

Si verifica uno scontro religioso tra Morten e il sarto locale, Peter (Ejner Federspiel) a causa del desiderio di sposarsi dei loro figli (Anders e Anne, interpretata da Gerda Nielsen). Gli avvenimenti sorprendenti che si sono poi verificati sulla famiglia Borgen sottolineano l'enfasi del film sulla fede oltre la religione e l'animosità. 'Ordet' è il capolavoro delle emozioni di Dreyer, con una gestione eccezionale di un argomento delicato.

1. The Celebration (1998)

Thomas Vinterberg si è affermato a fondo come uno dei grandi autori moderni della Danimarca, se non del mondo. Sulla strada per un tale meritato riconoscimento del suo talento cinematografico è arrivato 'Festen' ('The Celebration') sotto forma del suo primo grande successo.

Incentrato sulla celebrazione del compleanno del patriarca di una famiglia della classe media (Henning Moretzen), il film espone la tipica tossicità della classe media e perfora il falso velo sotto il quale esiste. Il figlio maggiore della famiglia Christian (Ulrich Thomsen) apre la strada con alcune rivelazioni decisamente devastanti sul passato straziante della famiglia apparentemente rispettata.

Vinterberg ha aperto la strada al movimento 'Dogme 95' insieme a Lars von Trier, con 'Festen' che ne è stato il primo vero esponente. La sua trama minimalista ma di grande impatto si presta magnificamente alla scarsità del movimento e alla dipendenza dalla recitazione vecchia scuola e dall'abilità registica.

Copyright © Tutti I Diritti Riservati | thetwilightmovie.com