10 migliori attrici britanniche di tutti i tempi

L'industria cinematografica è implacabile e, con la feroce diversità regionale ed etnica, il completamento sembra rafforzarsi ogni secondo. In un mondo dominato dalla forma d'arte americana, è stata una vera sfida per altri paesi sfondare con successo le restrizioni regionali e nazionali implementate da artisti, governo e pubblico.

Con le sfide dell'entità e dell'identità nazionale arriva la sfida dell'identità di genere. La forza prepotente del 'attore protagonista' è sempre stata la voce della preoccupazione e dell'ispezione.



Tuttavia, con il loro talento luminoso, queste 10 attrici britanniche si sono consolidate come una delle grandi. Anche se i loro nomi avrebbero potuto essere facilmente racchiusi sotto la forza dominante di Hollywood e delle loro attrici, questi 10 nomi sono riusciti a superare tutti gli ostacoli. Queste 10 attrici non solo hanno spezzato le catene dell'identità nazionale, ma si sono anche elevate come uguali al genere maschile. Menzioni d'onore - Helena Bonham Carter , Maureen O'Hara, Joan Fontaine e Tilda Swinton - queste attrici sono alcune delle grandi, ma i nomi in questa lista sono stati una forza da tenere in considerazione sullo schermo e sul palco. Le loro esibizioni non solo hanno ottenuto il plauso della critica contemporanea, ma sono anche pervasive come una delle più memorabili e iconiche. Quindi, senza ulteriori indugi, ecco l'elenco delle migliori attrici britanniche di tutti i tempi.



10. Vivien Leigh

Una forza dell'era classica di Hollywood, Vivian Leigh ha indossato due dei personaggi più memorabili e influenti, insieme a molte altre fantastiche esibizioni per trovare un nome in questa lista. Con una carriera che dura da oltre trent'anni, Leigh si sentiva spesso stagnante, data la sua squisita bellezza e il suo fascino. Spesso interpretata in base ai suoi attributi fisici e alla sua bellezza, l'attrice era sempre stata sul punto di essere un piacere per gli occhi per il pubblico. Tuttavia, con il suo talento trionfante come attrice drammatica, Vivien Leigh è riuscita a superare tutte le probabilità per diventare una delle più grandi attrici britanniche.



A differenza di altri in questa lista, la stagnazione dell'attrice come interprete drammatica sullo schermo ha portato alle sue imprese teatrali, dove ha realizzato alcune performance eccezionali nelle commedie di Noël Coward e George Bernard Shaw e ha indossato personaggi shakespeariani classici come Ofelia, Cleopatra, Juliet e Lady Macbeth con brillantezza. La maggior parte non la considererebbe una delle grandi, data la sua morte prematura, i periodi di inattività e la stagnante carriera sullo schermo, ma il talento incandescente di Leigh che ha portato alle sue interpretazioni vincitrici di Oscar come Scarlett O'Hara nell'epica storia d'amore di Victor Fleming ' Via col vento '(1939) e il dramma di Elia Kazan' A Streetcar Named Desire '(1951) l'hanno consolidata come una delle grandi.

9. Elizabeth Taylor

Una vita brulicante di stravaganze, controversie sul timore reverenziale e, cosa più importante, una carriera formidabile, Elizabeth Taylor è stata una star in tutti i sensi. Il volto della Hollywood classica, che ha governato negli anni '40, la popolarità di Liz Taylor come star e attore è cresciuta con la sua interpretazione del film sportivo americano in Technicolor National Velvet (1944), diretto da Clarence Brown. Un'icona adolescente, l'attrice passa senza soluzione di continuità a ruoli più maturi e adulti con la commedia di Vincente Minnelli 'Father of the Bride' (1950) e il dramma di George Stevens 'A Place in the Sun' (1951). UN



Nel bel mezzo di un periodo tumultuoso a metà degli anni '50, quando Hollywood in una fase di declino a causa della seria concorrenza della televisione, l'arte di Taylor ha visto un enorme aumento della qualità poiché gli studi hanno iniziato a produrre meno film, concentrandosi invece sulla loro qualità. Con l'opportunità di avventurarsi nel personaggio con profondità e aura creativa, Taylor ha iniziato lentamente a conquistare il ruolo principale in alcuni dei film più importanti e critici e commercialmente fattibili di Hollywood. Con la sua prima vittoria al Golden Globe per l'epico western 'Giant' di George Stevens (1956) e una nomination all'Oscar per 'Miglior attrice' nel melodrammatico progetto di Edward Dmytryk 'Raintree County' (1957), era quasi l'ora di un'era di fama , celebrità e popolarità. Considerata una delle star più bancabili, Liz Taylor ha definito l'incantevole mondo di Hollywood. Mentre la sua vita personale spesso sembrava attirare un'immensa attenzione dei media e disapprovazione del pubblico, non ha mai messo in ombra la sua professione, un fattore che definisce la sua esperienza nell'arte.

Con una filmografia composta da alcuni dei personaggi più iconici, vale a dire Gloria Wandrous in 'BUtterfield 8', Cleopatra nell'epico dramma storico con lo stesso nome, Martha nella commedia drammatica nera 'Who's Afraid of Virginia Woolf?' (1966) e Helen di Troy in 'Doctor Faustus' (1967), l'attrice ha vinto due Academy Awards come 'Migliore attrice' per 'BUtterfield 8' e 'BUtterfield 8', un nome che vince su tutti in termini di celebrità accattivante, l'attrice è sicuramente una delle i nomi più potenti e popolari, se non il nome più potente e popolare.

8. Vanessa Redgrave

Citata come 'la più grande attrice vivente dei nostri tempi' da Arthur Miller e Tennessee Willaims, la sei volte candidata all'Oscar è una delle attrici più prolifiche sullo schermo. Iniziando la sua carriera di attrice sul palco, Vanessa Redgrave è entrata per la prima volta alla Central School of Speech and Drama nel 1954 ed è apparsa per la prima volta nel West End, recitando di fronte a suo fratello, nel 1958. Con diverse esibizioni sotto la bandiera dello Shakespeare Memorial Theatre, l'attrice ha scalato le fila per interpretare è al fianco di altre leggende del cinema e del teatro Laurence Olivier in 'Coriolanus', Charles Laughton in 'Sogno di una notte di mezza estate' e in diverse produzioni con Albert Finney ed Edith Evans.

Nel corso del tempo, Redgrave si è vista sul grande schermo nel film drammatico di Brian Desmond Hurst 'Behind the Mask' (1958) e ha ottenuto il suo primo ruolo da protagonista nella commedia di Karel Reisz 'Morgan - Un caso adatto per il trattamento' (1966) ), per il quale ha vinto il suo primo Academy Award, BAFTA Award e Golden Globe Award per la nomination di 'Miglior attrice protagonista'. Mentre trasuda brillantezza sul palco con le produzioni della Royal Shakespeare Company, l'attrice magnetica ha continuato a governare il grande schermo per tutta la fine degli anni '70, gli anni '80 e l'inizio degli anni '90. Mentre la sua nomination ai trofei e il numero di vittorie sono relativamente piccoli rispetto ai suoi contemporanei, con 6 vincite ai premi e 22 nomination, contando le principali cerimonie di premiazione, non si può negare la sua genialità nell'adattare i personaggi da una pagina all'altra.

7. Julie Andrews

Il volto del cinema degli anni '60, Dame Julie Andrews ha reso eterno due dei personaggi più affascinanti della letteratura e della storia del cinema: Mary Poppins in Robert Stevenson musicale - fantasia il film Mary Poppins (1964) e Maria von Trapp nel dramma musicale di Robert Wise 'The Sound of Music' (1965). Un maestro in performance artistiche, Andrews è un soprano carismatico, un autore creativo e, naturalmente, un attore brillante. La brillantezza dell'attrice può essere vista nella sua interpretazione vincitrice di un Oscar nel già citato 'Mary Poppins', che è stato fondamentalmente il suo debutto sul grande schermo dopo la sua interpretazione nel film d'animazione italiano 'La Rosa di Bagdad' (1949), per cui ha lavorato come artista bambina.

Partendo dalla televisione e dal palcoscenico, Andrews ha ricevuto elogi per le sue interpretazioni nella produzione londinese 'The Boy Friend' (1954-1955), per la quale ha vinto il Theatre World Award per 'Outstanding Broadway Debut', il musical televisivo 'Rodgers and Hammerstein's Cinderella' , per il quale ha vinto il Primetime Emmy Award come 'Migliore attrice in una singola interpretazione - Protagonista o supporto' come Cenerentola. Spesso citata come una delle 'più grandi britanniche', l'enorme contributo di Andrews alle arti dello spettacolo le è valso il titolo di 'Dame' nel 2000 dalla regina Elisabetta II. La voce iconica dell'attrice le è valsa l'urlo della critica in alcuni dei film d'animazione più celebrati come i film d'animazione 'Shrek' (2001-2010) e ' Detestabile me '(2010).

6. Helen Mirren

Con una nicchia di ritratti di Bearish Royalties con successo artistico, l'attrice 72enne si vanta di aver indossato i ruoli di regine britanniche tre volte: la regina Charlotte in The Madness of King George di Nicholas Hytner, la regina Elisabetta I Nigel La miniserie drammatica storica di Williams 'Elizabeth I (2005) ed Elisabetta II nel dramma brillantemente diretto di Stephen Frears' The Queen '(2006) - Helen Mirren risuona profondamente con i reali britannici.

Considerato un pioniere del dramma shakespeariano, classico e d'epoca, Helen Mirren è una delle poche attrici ad aver ottenuto la prestigiosa Triple Crown of Acting. Debuttando in un ruolo non accreditato come Penelope Squires nella commedia britannica 'Press for Time' (1966), l'attrice è salita glacialmente ai ranghi con le interpretazioni di 'Sogno di una notte di mezza estate' (1968), 'Age of Consent' (1969) e 'O Lucky Man!' (1973).

Mentre la reputazione dell'attrice è cresciuta con le sue esibizioni drammatiche, anche la lingua tagliente e satirica di Mirren ha contribuito alla sua variegata filmografia. Con le sue diverse interpretazioni come la famigerata cortigiana Caesonia nel dramma storico erotico italo-americano 'Caligula' (1979), la sofisticata e maltrattata moglie Georgina Spica nella commedia romantica nera 'The Cook, the Thief, His Wife & Her Lover' (1989) e la sua interpretazione vincitrice dell'Oscar come Regina Elisabetta in 'The Queen' (2006), Dame Helen Mirren si è affermata con successo come una delle esibizioni più adattabili in scena, televisione e teatro.

5. Kate Winslet

L'attrice più giovane in questa lista, Kate Winslet Lo status di icona era già saldamente stabilito negli anni 2000, un periodo in cui aveva appena 30 anni. Attrice che ha ottenuto un successo travolgente nel corso degli anni, Winslet è stata una parte dei film più acclamati dalla critica e di successo commerciale nella storia del cinema. Condendo la sua arte alla Redroofs Theatre School, dove ha studiato recitazione, l'attrice ha debuttato nella serie di fantascienza britannica 'Dark Season' (1991).

Con diversi crediti cinematografici a metà degli anni '90, Kate Winslet ha avuto per la prima volta il successo nell'epico film drammatico di successo ' Titanic '(1997), dove ha interpretato metà della relazione romantica sfortunata - Rose DeWitt Bukater. Ciò ha portato a un decennio di performance meritevoli di premi in 'Iris' (2002), ' Luce sempiterna della mente pura '(2005),' Little Children '(2007) e' Il lettore '(2009), per il quale ha vinto l'Oscar come 'Migliore attrice', il BAFTA per 'Miglior attrice protagonista' e il Golden Globe per 'Miglior attrice non protagonista - Film'.

Mentre l'attrice ha attraversato un crollo della carriera con il film antologico 'Movie 43' (2013), il dramma americano 'Labor Day' (2013) e il danneggiato distopico franchise 'The Divergent' (2015 e 2016), l'attrice si è ripresa con la sua avvincente interpretazione nei panni della compagna morale e confidente di Steve Jobs Joanna Hoffman in Danny Boyle Il dramma biografico 'Steve Jobs' (2015), per il quale ha vinto una nomination all'Oscar, e il British Academy Film Award per 'Miglior attrice non protagonista' e il Golden Globe per 'Miglior attrice non protagonista'. Con un totale cumulativo di sessantatré vincite e nomination ai premi, tra cui un Academy Award e sette nomination, tre BAFTA e otto nomination, quattro Golden Globe e undici nomination, tutti alla magrissima età di quarantadue anni, dobbiamo ancora vedere il ha portato alla luce la genialità che Kate Winslet deve ancora raggiungere.

4. Emma Thompson

Una delle attrici più efficaci della sua generazione, Emma Thompson è salito alla ribalta con le sue performance comiche vincitrici di BAFTA due serie TV della BBC - 'Tutti Frutti' e 'Fortunes of War', entrambe pubblicate nel 1987. Affilando le sue doti comiche durante i suoi anni di formazione al Newnham College, Università di Cambridge, dove lei è diventata membro di 'Footlights', la prestigiosa compagnia di sketch comici dell'università, l'attrice ha portato avanti il ​​suo talento comico e romantico in 'The Tall Guy' (1989) e 'Dead Again' (1991).

L'attrice ha continuato a sfidare la sua arte con la sua interpretazione vincitrice del premio Oscar nel dramma romantico di James Ivory 'Howards End' (1992). Gli anni '90 hanno visto l'attrice crescere come una beniamina della critica con 'The Remains of the Day' (1993), 'In the Name of the Father' (1993), 'Sense and Sensibility' (1995) - performance per le quali ha ricevuto gli Oscar. e le nomination ai British Academy Film Awards. Con una personalità affascinante e divertente, e una nicchia di interpretare donne reticenti e personaggi altezzosi, l'attrice è diventata una delle attrici di maggior successo e accattivanti di tutti i tempi.

3. Maggie Smith

È piuttosto un peccato che per molti, Dame Maggie Smith sarà sempre conosciuta per la sua interpretazione della professoressa Minerva McGonagall satirica e dalle labbra rigide nella celebre ‘ Harry Potter 'Franchising (2001-2011). Tuttavia, per la maggior parte degli appassionati di cinema, Maggie Smith è una leggenda vivente. Avventurandosi nell'arte della recitazione con Broadway negli anni '50, la sua reputazione di attrice credibile è cresciuta sul palcoscenico londinese. L'attrice ha filtrato nelle vene dell'industria seducente l'adattamento cinematografico della tragedia shakespeariana 'Otello' (1965), 'Go to Blazes' (1962) e 'The V.I.P.s' (1963), solo per citarne alcuni. Con il suo riconoscimento in aumento con le sue esibizioni sul palco in spettacoli come 'The Master Builder', 'The Recruiting Officer' e 'Molto rumore per nulla', Maggie Smith ha conquistato la celebrità della critica con la sua interpretazione vincitrice di un Oscar nel film drammatico britannico di Ronald Neame 'The Prime of Miss Jean Brodie' (1969).

In seguito, l'attrice ha continuato a dare prestazioni brillanti nel 1984 commedia nera 'A Private Function', 'Charlotte Bartlett' (1986), 'A Room with a View' (1987) e 'The Lonely Passion of Judith Hearne' (1987), vincendo il BAFTA per tutte e tre le sue esibizioni. È una vera testimonianza della sua abilità di recitazione, poiché la Smith è ancora in viaggio di brillantezza con le sue interpretazioni in 'Quartet' (2012) di Dustin Hoffman, 'My Old Lady' (2014) di Israel Horovitz e 'The Lady in the' di Nicholas Hytner. Van '(2015).

2. Judi Dench

Un sette volte candidato all'Oscar, Judy Dench Il carisma e il genio della recitazione l'avevano affermata come una delle attrici più importanti e importanti della sua generazione, che è ancora all'apice della sua carriera. Pioniera del teatro, della televisione e del cinema, l'attrice ha conquistato il cuore della critica sin dal suo debutto nei film drammatici di Charles Crichton 'Il terzo segreto' (1964) e in 'Quattro al mattino' (1965) di Anthony Simmons, vincendo il BAFTA Premio per l'esordiente più promettente ai ruoli principali del film ”per quest'ultimo.

Come i suoi contemporanei Maggie Smith e Julie Andrews, Dench è una forza di eccellenza nel teatro shakespeariano ed è uno dei precursori della National Theatre Company e della Royal Shakespeare Company. Salendo la scala del successo con la televisione, Dench ha trovato il trionfo nella serie comica britannica 'A Fine Romance' (1981-1984) e nella sitcom romantica 'As Time Goes By' (1992-2005). Come molti avrebbero previsto, l'attrice ha raggiunto la fama e la celebrità mainstream con il franchise di successo ' James Bond ', Dove ha interpretato il capo dei servizi segreti segreti e la superiore M di Bond, debuttando in' GoldenEye 'di Martin Campbell (2005). Curiosità: Judy Dench è l'unica attrice a riprendere un ruolo nella serie di riavvio - questa è una testimonianza del suo incredibile talento.

Mentre recitava come moderatore morale per il Bond, altrimenti spesso insensibile, Dench ha continuato a vincere 7 nomination agli Oscar, vincendo il premio 'Miglior attrice non protagonista' per la commedia drammatica in costume di John Madden 'Shakespeare in Love' (1998). La sua bacheca dei trofei è semplicemente incredibile, con 204 nomination e 56 nomination e una nomination ai BAFTA o vince quasi ogni anno. All'età di 83 anni, Judy Dench o Dame Judy Dench si sta ancora reinventando con le interpretazioni della commedia drammatica biografica di Stephen Frears 'Victoria & Abdul' (2017), del dramma misterioso di Kenneth Branagh 'Murder on the Orient Express' (2017) e il suo prossimo film di avventura fantasy di scienza 'Artemis Fowl' (2019). È una leggenda vivente e ha mantenuto l'entusiasmo e l'aspettativa del pubblico con la sua abilità, talento e fascino.

1. Audrey Hepburn

Attrice, performer e umanitaria poliedrica, Audrey Hepburn è un nome che ha definito il cinema alla fine degli anni '50 e per tutti gli anni '60. Con un'infanzia tumorosa, Hepburn ha affinato glacialmente le sue abilità con diversi spettacoli teatrali, borsa di studio di balletto con la prestigiosa 'Rambert Dance Company' e alcuni incarichi modello prima di avventurarsi nel mondo dei film. Debuttando come hostess in 'Dutch in Seven Lessons' (1948), l'attrice ha ottenuto il suo primo ruolo da protagonista nel ruolo della principessa europea Ann nella commedia romantica di William Wyler 'Vacanze romane' (1953), per il quale ha sorprendentemente vinto l ''Academy Award'. per la migliore attrice protagonista '.

Mentre ha ottenuto il plauso della critica e della pubblicità nel corso degli anni, Hepburn è diventata una celebrità con le sue squisite esibizioni alla fine degli anni '50 e '60, ed è diventata una delle preferite dalla folla con la sua splendida personalità e scelte di stile, diventando un'icona di stile nel processo. Con una gamma di nomination e vittorie agli Academy Awards, ai BAFTA, ai Golden Globe e ai Tony Awards, Audrey Hepburn, come la riconosce l'American Film Institute, è una delle più grandi leggende del cinema di tutti i tempi.

Copyright © Tutti I Diritti Riservati | thetwilightmovie.com